Forza Italia, Berlusconi inaugura sede tra foto di Putin e Champions: "Importante è essere ancora bello"

video “Metteremo in campo il meglio di noi per riuscire a ottenere queste cose, anche se magari non sono nelle corde dei nostri alleati”. Il presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi inaugura a Milano la nuova sede regionale di Forza Italia e stuzzica gli alleati di governo sulle sue proposte per la manovra: "Eliminiamo tutte le autorizzazioni preventive per chi vuole realizzare una casa e detassiamo le imprese per dare lavoro ai giovani". Tanti i parlamentari e i consiglieri locali. Presenti anche i capigruppo di Camera e Senato Alessandro Cattaneo e Licia Ronzulli, oltre a alcuni non candidati come Marco Bestetti e Giulio Gallera. La nuova sede si presenta addobbata ad hoc con vecchie foto del Cavaliere, alcune assieme al vecchio amico Vladimir Putin o ai grandi della Terra, come in occasione del vertice Nato-Russia del 2002. Immancabile un'immagine di Berlusconi che alza al cielo una delle coppe dei campioni vinte col Milan. Il tutto accompagnato da vecchie immagini elettorali e palloncini azzurri. Una storica fan lo ferma fuori dalla nuova sede e gli mostra un vecchio opuscolo elettorale: "Com'era bello", dice al leader azzurro. "L'importante è esserlo ancora", gli replica luidi Andrea Lattanzi e Daniele Alberti

Senza Titolo

il caso/1Francesco MoscatelliSimona Buscaglia /MILANO«Di fronte al venir meno del rapporto di fiducia con il Presidente Attilio Fontana, annuncio la decisione di rimettere le deleghe di vicepresidente e di assessore al Welfare di Regione Lombardia». Una scelta che è «un forte segnale rispetto alle l

In Lombardia il prezzo più alto

Un anno con la pandemia. La paura di un virus sconosciuto, l'ottimismo che si trasforma in terrore quando si capisce che ce ne saranno altre di ondate. E quei canti sui balconi, gli striscioni con la scritta "Andrà tutto bene" durante la prima fase che poco a poco si spengono davanti alle cifre del

Senza Titolo

L'intervistaPaolo Colonnello / MilanoSe n'era andato a Natale per aver detto, a La Stampa, che le vaccinazioni sarebbero iniziate con due giorni di ritardo. Matteo Salvini aveva voluto la sua testa accusandolo di incapacità. Ora che siamo sotto Pasqua e che anche senza di lui la situazione sembra pe