Conte e Salvini, i desaparecidos della pace

Se non ci fosse il Sanremo della politica - Zelensky sì, Zelensky no - che ha rimescolato gli schieramenti catodici, forse la notizia sarebbe uno dei più grandi rivolgimenti politici degli ultimi tempi: l'appannamento del "populismo pacifista" o, se preferite, del "pacifismo populista". Paradosso ch

Senza Titolo

il retroscenaIlario LombardoINVIATO AD ALGERIGiorgia Meloni sta per prendere un aereo che la porta in Algeria. È ora di pranzo, nel dossier che le hanno preparato i diplomatici c'è tutto quello che deve sapere sul gas e sul piano per rendere l'Italia un hub energetico nel Mediterraneo e per tutta l'

Senza Titolo

Il retroscenaAlessandro Barbera Ilario Lombardo / Roma È il primo incontro a quattr'occhi. Un incontro che ha il sapore di una tregua. E che segnala quanto Giorgia Meloni abbia bisogno in questo momento dei consigli del governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco. La recessione alle porte, l'infl

Senza Titolo

Luca Monticelli / RomaEsplode la rabbia dei benzinai che decidono di incrociare le braccia e se la prendono con il governo. Non ci stanno a passare per i colpevoli della risalita dei prezzi e vanno all'attacco: «Per porre fine a questa ondata di fango contro una categoria di onesti lavoratori e cerc

Senza Titolo

il retroscenaFederico CapursoFrancesco Olivo / ROMANella sua giornata peggiore a Palazzo Chigi, Giorgia Meloni si ritrova sola. Ha un consenso forte, ma in tempi mutevoli e nevrotici, basta un niente per far cambiare il vento. L'ondata di malcontento scatenata dagli aumenti, veri, percepiti o gonfia

Senza Titolo

il casoIlario Lombardo / ROMA«Si fanno i conti con la realtà» dice Giorgia Meloni in un nuovo video organizzato in fretta e furia per giustificare la decisione di non confermare il taglio delle accise sulla benzina. La realtà non è più quella che la premier vedeva dall'opposizione. È cambiata, è più

Senza Titolo

Alessandro Barbera /ROMAPer dirla con le parole del ministro della Difesa (Guido Crosetto), il machete è rimasto nella fondina. La lotteria delle prime tre nomine importanti del governo Meloni è terminata con due conferme su tre. E che conferme. Ernesto Maria Ruffici, ai vertici della macchina fisca

Senza Titolo

il retroscenaFederico Capurso / RomaIl riordino del comparto di intelligence rappresenta l'ultimo passo di quella «transizione dolce» voluta da Giorgia Meloni nel passaggio di consegne con Mario Draghi. I suoi uomini più fidati assicurano «aggiustamenti mirati», e questo potrebbe soprattutto far cad

Senza Titolo

il retroscenaLuca Monticelli / ROMAUn salario più robusto permetterebbe agli italiani di affrontare meglio questa stagione di continui rincari. Cgil, Cisl e Uil tornano a chiedere un intervento sulle buste paga con un mix di misure: taglio del cuneo, spinta sui rinnovi contrattuali e salario minimo.

Senza Titolo

Silvio Puccio / paviaLa Cina riapre al mondo e torna la preoccupazione per le varianti come Gryphon, che sta emergendo anche negli Stati Uniti. E la provincia si scopre tra le meno vaccinate della Lombardia: con il 13 per cento di popolazione coperta con la quarta dose, solo Sondrio, Mantova, Bresci

Al governo ci sono due Giorgia Meloni

Domanda: la vera Giorgia Meloni è quella dell'emergenza, dei lasciti draghiani, della necessità di approvare la manovra di bilancio nei tempi dovuti? O è quella che giovedì ha fatto capolino di tanto in tanto nella tre ore (grazie!) in cui si è concessa ai giornalisti? O invece scopriremo l'autentic

Senza Titolo

la giornataFrancesca Schianchi / Roma«Non mi torna il gioco al rilancio eterno per cui non va mai bene, si deve sempre cancellare di più». È quando arriva la domanda sull'Msi che Giorgia Meloni, fin lì sorridente, si fa seria, abbassa il tono di voce, risponde innervosita. È la sua prima conferenza

Manovra, mance e condoni: l'attacco delle opposizioni in aula. E Calenda ironizza: "Aridatece Mario"

video Critiche, battute e qualche scontro verbale in aula al Senato, nel corso delle dichiarazioni di voto sulla Manovra. Le forze di opposizione hanno contestato sia il contenuto che il metodo che ha portato all'approvazione della prima legge di bilancio del Governo Meloni. "Ma che davvero, dopo anni di propaganda sovranista avete prodotto una legge così grigia e inutile? - ha sottolineato Carlo Calenda - Io direi, aridatece Mario Draghi". "Siete stati generosi con ben dodici condoni, ma che vi hanno fatto i cittadini che pagano le tasse? - si domanda Simona Malpezzi del Partito Democratico - Questa manovra lascia solo il brutto ricordo dei cinghiali". Momenti di tensione durante l'intervento di Alessandra Maiorino del Movimento 5 Stelle. La senatrice ha sottolineato gli errori in fase di elaborazione del testo, suscitando le proteste delle forze di maggioranza che hanno costretto il presidente del Senato Ignazio La Russa a intervenire per riportare l'ordine. A cura di Luca PellegriniVideo Senato Tv

Senza Titolo

il dossierAlessandro Barbera / ROMALa prima decisione delicata per Giorgia Meloni riguarda il direttore generale del Tesoro, forse il più importante dei funzionari dello Stato: la maggioranza chiede all'unisono la rimozione di Alessandro Rivera, ma il ministro Giancarlo Giorgetti gli fa scudo. A gen