Elon Musk arriva nella sede di twitter da "capo" con un lavandino e ironizza: "Lasciamo che affondi"

video Elon Musk ha già cambiato status sul suo profilo pubblico di Twitter in "Chief Twit" prima della scadenza di venerdì imposta dal tribunale per acquistare l'azienda, dopo il riavvicinamento seguito a mesi di contesa, sfociata anche in una disputa legale, con il miliardario che si appresta ad acquistare la piattaforma di microblogging per 44 miliardi di euro. Musk è andato subito negli uffici di San Francisco della società, portando con sé un lavandino. Ovviamente con postando su Twitter un video e una frase ironica e strafottente: "Let's that sink in", con un gioco sul significato della parola 'sink': 'lavandino' o 'affondare', non si sa se con con riferimento ai tonfi di borsa dopo l'annuncio (ma "sink in significa anche "digerire" o mandare giù, dunque sono varie le interpretazioni). Lo scorso aprile il miliardario proprietario di Tesla e Space X ha proposto di acquistare il social per 44 miliardi di dollari. La trattativa però si è complicata con le richieste di Musk di conoscere il numero di account spam attivi sulla piattaforma, che l'imprenditore sostiene siano superiori al 5% dichiarato dall'azienda.Dopo mesi di tensione, con l'avvicinarsi delle scadenze giudiziarie, è arrivato un riavvicinamento tra le parti, con Musk che dovrebbe finalizzare l'acquisto.Video Twitter - @elonmusk

Dal 17esimo nipotino, alla standing ovation e la stretta di mano con Renzi: il ritorno di Berlusconi

video Silvio Berlusconi protagonista nell'aula di Palazzo Madama. Giunto in Senato pochi minuti prima l'intervento in replica di Giorgia Meloni, ha seguito le parole della premier prendendo appunti e rivedendo il proprio intervento, che ha aperto con l'annuncio della nascita del 17esimo nipotino. Le sue parole sono state salutate da una standing ovation dei parlamentari di maggioranza, con gli esponenti del Governo che a loro volta si sono alzati dai propri scranni. Berlusconi, rimasto seduto al proprio posto, è stato salutato dai suoi alleati, tra i quali Matteo Salvini e Giorgia Meloni, ma anche da Matteo Renzi. Dopo il voto di fiducia al Governo, ha lasciato l'aula.di Luca PellegriniVideo Senato

Renzi fa ironia sul PD: risate e applausi nel governo e Meloni scoppia ridere più volte

video Risate e applausi da parte della maggioranza e del governo durante le dichiarazioni di voto al Senato di Matteo Renzi che fa ironia sulle scelte di critica a giorgia Meloni, sul sovranismo alimentare ("l'abbiamo inventato noi con Slow Food") e sull'articolo al maschile davanti a "presidente". Da sinistra qualcuno fa osservazioni e Renzi: "Vi vedo reagire a me e non a lei, come in campagna elettorale, complimenti i risultati si sino visti" e qui Giorgia Meloni scoppia a ridrere e si copre poi il volto. L'ex premier ha poi strappato un'altra risata alla presidente del consiglio, tra i sorrisi e gli aplausi anche di altri ministri.Video Local Team

Metropolis/201 - "Contante care cose". Chi ha fiducia in Meloni. E chi no. Ospiti: Baldino, Donzelli, Fornero e Vito. Con Sorgi e Aspesi (integrale)

video Giorgia Meloni verso la fiducia al Senato, ma già nella bufera per le sue reazioni agli interventi delle opposizioni, in particolare a quello di Conte. Ed è già polemica anche sull'innalzamento del tetto al contante e sul patto fiscale proposto dalla neopremier. Oggi Metropolis apre con una intervista in studio a Giovanni Donzelli, coordinatore di Fratelli d'Italia. Poi sentiremo la professoressa Elsa Fornero, già ministra del lavoro, sul programma economico del nuovo governo Meloni. Nella seconda parte della trasmissione parla l'onorevole Nicola Fratoianni, di Sinistra italiana, e avremo in studio Elio Vito, che ha lasciato Forza Italia. L'ultima parola a Natalia Aspesi. In collegamento dal Senato: Gabriele Rizzardi. Con un servizio da Palazzo Madama di Giulio Ucciero e il videoracconto della prima occupazione romana al liceo Albertelli di Annie Francisca. Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica

Ucraina, Berlusconi: "Convintamente con l'Occidente per lavorare per la pace"

video "In questa situazione noi, non possiamo che essere con l'occidente nella difesa dei diritti di un paese libero e democratico come l'Ucraina. Per questo dobbiamo lavorare per la pace e lo faremo in pieno accordo con i nostri alleati occidentali", così il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, intervenendo in dichiarazione di voto di fiducia a Giorgia Meloni in Senato. a cura di Luca PellegriniVideo webtv Senato

Renzi attacca il PD sul merito nella scuola, tra sorrisi e cenni di assenso della maggioranza

video Scontro tra opposizioni in aula al Senato. L'intervento in dichiarazione di voto Matteo Renzi è stato caratterizzato da polemiche con il Partito Democratico sui temi dell'opposizione, in particolare sul merito nella scuola. "Con la buona scuola eravamo noi a parlare del merito", ha sottolineato. Gli esponenti della maggioranza hanno seguito con cenni di assenso, sorrisi e applausi l'intervento.Di Luca PellegriniVideo WebTv Senato

Metropolis/201 - Tetto al contante, scontro Donzelli-Fornero: "Fatto di libertà". Lei: "Ha idea dell'evasione in Italia?"

video Nel giorno in cui la Lega deposita un progetto di legge per alzare il tetto al contante a 10 mila euro, a Metropolis il deputato di FdI Giovanni Donzelli si scontra con l'ex ministra Elsa Fornero: "Pago tutto con la carta ma se volessi cambiare idea lo devo poter fare", dice il meloniano. Per l'economista invece dietro c'è il rischio evasione fiscale: "Chi gira con il contante oggi? Difficile distinguere tra chi l'ha guadagnato onestamente e chi no" Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica

Meloni cita Padoan e ribadisce: "Taglieremo il tetto al contante"

video "Non c'è correlazione tra intensità del limite del contante e la diffusione dell'economia sommersa. Ci sono Paesi in cui il limite non c'è e l'evasione fiscale è bassissima. Non siete d'accordo? Sono parole di Pier Carlo Padoan, ministro dell'Economia dei Governi Renzi e Gentiloni", così la presidente del Consiglio Giorgia Meloni in aula al Senato, ribadendo la volontà di tagliare il tetto al contante.Leggi: Tetto al contante, Meloni cita Padoan. Ma l'ex ministro si corresse: "Fu un errore alzarlo"di Luca PellegriniVideo webtv Senato

Meloni replica a Ilaria Cucchi: "Manifestanti della Sapienza volevano impedire ad altri di parlare"

video "Non ho mai organizzato una manifestazione per impedire a un altro di non dire quel che voleva dire", così la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, replicando all'intervento in Senato di Ilaria Cucchi. "Quelli non erano manifestanti pacifici, facevano picchetto per impedire ai ragazzi che non la pensano come loro di dire la loro - ha aggiunto - In democrazia si rispettano le idee altrui".Di Luca PellegriniVideo WebTv Senato