Tetto sul prezzo del gas, Draghi: "Su energia non possiamo aspettare Ue, andiamo avanti"

video Il presidente del Consiglio Mario Draghi risponde nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi a chi gli domanda della proposta di mettere un tetto al prezzo del gas in sede europea. "Ci sarà una proposta Ue che uscirà fra pochi giorni sull'energia, non so se ci sarà sul prezzo del gas, ci sono punti di vista diversi fra noi, la Germania e l'Olanda", ha detto Draghi. "Noi però non possiamo solo aspettare in sede Ue, la nostra intenzione è andare avanti con provvedimenti nazionali", ha aggiunto. di Francesco GiovannettiSegui gli ultimi aggiornamenti dall'Ucraina Iscriviti alla newsletter quotidiana

Ucraina, Draghi: "Embargo gas? Faremo tutto il necessario. Preferite pace o condizionatori accesi?"

video Il governo vara all'unanimità il nuovo Def, il documento di Economia e finanza che definisce le linee principali di politica economica del Paese. Il presidente del consiglio Mario Draghi risponde nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Chigi a chi gli chiede della posizione italiana in merito a un embargo che blocchi le importazioni di gas e petrolio dalla Russia come strumento di pressione per favorire una soluzione al conflitto ucraino. "Al momento non è un'ipotesi oggetto di discussione nell'Ue, ma la situazione si sta modificando sotto i nostri occhi - spiega Draghi -. Noi andiamo con quello che decide l'Ue. Se sarà uniforme sull'embargo sul gas, saremo ben contenti di seguire. Di fronte alla pace o a star tranquilli con il condizionatore acceso tutta l'estate, cosa preferiamo? Questa è la domanda che ci dobbiamo porre". di Francesco GiovannettiSegui gli ultimi aggiornamenti dall'Ucraina Iscriviti alla newsletter quotidiana

Metropolis/66 - Ucraina, l'inviato a Bucha nella stanza delle torture: "Riportiamo orrori di chi ha visto con i suoi occhi"

video A Metropolis Fabio Tonacci, inviato di guerra a Bucha, descrive cosa ha trovato il fotografo che è entrato per primo nella stanza delle torture. E puntualizza: "Io ho visto il sangue sui muri e le foto di civili ammanettati e uccisi. Tanti mi raccontano di torture e orrori, verrà un'agenzia indipendente, intanto riporto solo le testimonianze dirette. E sono orrori che assomigliano molto a crimini di guerra". Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica Segui gli aggiornamenti sull'UcrainaIscriviti alla Newsletter

Metropolis/66 - Ucraina, l'inviato a Bucha nella stanza delle torture: "Riportiamo orrori di chi ha visto con i suoi occhi"

video A Metropolis Fabio Tonacci, inviato di guerra a Bucha, descrive cosa ha trovato il fotografo che è entrato per primo nella stanza delle torture. E puntualizza: "Io ho visto il sangue sui muri e le foto di civili ammanettati e uccisi. Tanti mi raccontano di torture e orrori, verrà un'agenzia indimendente, intanto riporto solo le testimonianze dirette. E sono orrori che assomigliano molto a crimini di guerra". Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica Segui gli aggiornamenti sull'UcrainaIscriviti alla Newsletter

Metropolis/66 - Ucraina, l'incredulità del male. Con la deputata ucraina Volodina, Serracchiani, il procuratore militare De Paolis e Zaki (integrale)

video Metropolis si fa in due oggi, due parti unite dal filo rosso delle violenze fisiche e psichiche. E la possibilità di avere giustizia. Parliamo del conflitto in Ucraina con la deputata del partito Servitori del Popolo Daria Volodina, in italia per una audizione in Commissione Esteri della Camera; la vicesegretaria del Pd Debora Serracchiani e il procuratore militare Marco De Paolis, da Eurojust, all'Aja. Collegamenti con i nostri inviati in Ucraina Daniele Raineri (da Odessa) e Fabio Tonacci (da Bucha). Poi l'incontro (a distanza) con Patrick Zaki. Con Francesca Caferri, Angela Mauro e Marcello Sorgi. Conduce Gerardo Greco. Segui tutti gli aggiornamenti dall'UcrainaIscriviti alla newsletter Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica

Metropolis/65, Serracchiani: "Anpi vuole commissione Onu? Facciamola, ma difficile non ammettere fatti criminosi"

video La capogruppo alla Camera del Pd Debora Serracchiani commenta la (contestata) richiesta dell'Anpi di una commissione di inchiesta Onu per appurare che cosa sia avvenuto davvero a Bucha e Borodyanca e nelle città ucraine lasciate dall'occupazione russa. "Non vedo esagerazioni in questa richiesta - puntualizza Serracchiani - ma francamente mi sembra davvero difficile dire che non siamo davanti a crimini di guerra". Segui in diretta tutti gli aggiornamenti sull'Ucraina

Ucraina, il piccol Vlad fuggito da Leopoli incontra l'idolo Buffon a Parma

video Sugli spalti dello stadio Tardini ad assistere a Parma-Como oggi c'era anche Vlad, 12 anni, al fianco di sua madre Nadiia e dalla sorellina Anastasiia. Con loro anche la nonna di Vlad, Mariya, che vive a Roma da diversi anni: proprio da lei Vlad, Nadija e Anastasia si sono rifugiati dopo la fuga da Leopoli (Ucraina). Vlad, tra le sue passioni, ha quella per il calcio. È un giovane portiere, e da quando è arrivato in Italia è stato "adottato" immediatamente dalla scuola calcio San Paolo Ostiense. In una recente intervista, Vlad aveva detto di avere un idolo speciale: Gianluigi Buffon. Il capitano del Parma Calcio 1913 e tutto il club crociato, dopo aver letto le sue parole, non ci hanno pensato due volte e hanno voluto regalare un’emozione a lui e a tutta la sua famiglia, invitando tutti alla partita che si è giocata oggi al Tardini. Prima del match, all’interno del Museo Ernesto Ceresini, Vlad ha così potuto incontrare personalmente il suo idolo.Parma Calcio 1913

Como, imbrattata la villa di Soloviev: è il secondo attacco contro le proprietà dell'oligarca

video Altro atto di protesta contro l’oligarca russo Vladimir Soloviev. In una delle ville di proprietà del conduttore radiofonico e televisivo russo sostenitore di Putin, situata a Pianello del Lario, in provincia di Como, la piscina è stata imbrattata di vernice rossa. Colpite anche alcune facciate della villa sotto sequestro da fine febbraio come conseguenza della guerra in Ucraina. Sul cancello della casa, inoltre, sono comparse anche delle scritte contro l’oligarca russo: “Killer” e “No war”. È il secondo atto vandalico alle residenze italiane di Solovyev. Questa mattina, infatti, nella villa di Menaggio, poco più a sud di Pianello del Lario, è stato appiccato un incendio utilizzando degli pneumatici. incendio che però non ha riportato danni significativi.LEGGI L'ARTICOLOSEGUI GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI SULL'UCRAINAISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANAVideo Stefano De Nicolo - Local Team

Como, imbrattata la villa di Soloviev: è il secondo attacco contro le proprietà dell'oligarca

video Altro atto di protesta contro l’oligarca russo Vladimir Soloviev. In una delle ville di proprietà del conduttore radiofonico e televisivo russo sostenitore di Putin, situata a Pianello del Lario, in provincia di Como, la piscina è stata imbrattata di vernice rossa. Colpite anche alcune facciate della villa sotto sequestro da fine febbraio come conseguenza della guerra in Ucraina. Sul cancello della casa, inoltre, sono comparse anche delle scritte contro l’oligarca russo: “Killer” e “No war”. È il secondo atto vandalico alle residenze italiane di Solovyev. Questa mattina, infatti, nella villa di Menaggio, poco più a sud di Pianello del Lario, è stato appiccato un incendio utilizzando degli pneumatici. incendio che però non ha riportato danni significativi.LEGGI L'ARTICOLOSEGUI GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI SULL'UCRAINAISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANAVideo Stefano De Nicolo - Local Team