Roma, la comunità ucraina in piazza: "A Kiev nel rifugio portavo cibo, acqua e un piede di porco"

video Gli ucraini in piazza della Repubblica a Roma per lanciare un nuovo appello e chiedere la fine della guerra. Tra i presenti molti profughi, arrivati nelle ultime settimane. "Giravo con uno zaino pesante, con acqua, cibo anche per il mio cane e un piede di porco, qualora fossi rimasta bloccata nel rifugio - racconta una giovane - Sono contenta di non portarlo più dietro, era diventato parte di me. Ora porto i pennelli e la tela e posso tornare a dipingere". "Voglio testimoniare una situazione terribile - aggiunge una donna - I russi sono entrati in una città vicino Karkhiv. Hanno preso 25 uomini che difendevano la città, li hanno portati nella piazza centrale e li hanno fucilati. I soldati russi hanno portato la violenza, contro le nostre donne, e compiono crimini contro l'umanità". In piazza anche una famosa cantante ucraina, vincitrice di concorsi musicali in patria. di Luca Pellegrini

Mariupol, ultimo atto: i tank contro i palazzi

video Ecco come viene condotta la battaglia finale a Mariupol: carri armati russi avanzano lentamente, poi prendono a cannonate i palazzi dove gli ucraini resistono. Ogni tank spara diversi colpi, poi si ritira dietro un edificio per evitare i missili. Assieme ai mezzi corazzati ci sono squadre di spetsnaz, i commandos russi, e di miliziani ceceni. Dopo che le cannonate hanno ridotto il rischio di imboscate, spetsnaz e ceceni entrano nelle case eliminando i soldati nemici. Gli invasori stanno procedendo contemporaneamente in due direzioni per tagliare in due la zona in mano agli ucraini: un’operazione che potrebbe venire conclusa oggi. L’obiettivo di questa manovra è diminuire la possibilità per i difensori di spostarsi da un palazzo all’altro, chiudendoli in una zona dove poi i tank e i bombardamenti potranno più facilmente eliminarli. Gli ucraini già ora non hanno possibilità di fuga: sono soprattutto uomini della brigata Azov, i volontari di estrema destra, e della fanteria di marina. Si ritiene che lotteranno fino all’ultimo: i ceceni non prendono prigionieri di Gianluca Di FeoSegui gli aggiornamenti dall'UcrainaIscriviti alla newsletter quotidiana

video Twitter

Basket, scandalo sportivo a Malta: per sei minuti le squadre giocano a non fare canestro

video Sei minuti, che nel basket sono un'enormità, giocati evitando accuratamente di andare a canestro. Questo lo scempio sportivo commesso da Depiro e Hibernians, due squadre della Serie A maltese, e scovato dalla pagina web "La Giornata Tipo", tutta dedicata alla pallacanestro. Sul 69-68 nessuno vuole più segnare: è ultima giornata di regular season e tutte e due le squadre vogliono perdere per ottenere il piazzamento desiderato nella griglia dei playoff. Quei lunghissimi sei minuti si concludono nel modo peggiore: con un tentativo di autocanestro, che peraltro - se volontario - è proibito e porta automaticamente a un fallo tecnico.Twitter La Giornata Tipo

Bombe su Leopoli, l'impressionante esplosione: il boato arriva dopo alcuni secondi

video In un video ripreso da una finestra di Leopoli e circolato su un canale telegram ucraino si vede il secondo attacco missilistico a Leopoli del 26 marzo, avvenuto alle 18,55 ora locale (17,55 ora italiana). Secondo il ministero della Difesa russo avrebbe distrutto le officine di un impianto di riparazione per sistemi missilistici antiarei. Gli ucraini si limitano a dire che avrebbe colpito "un obiettivo militare".dalla nostra inviata a Leopoli Tonia MastrobuoniSegui gli aggiornamenti dall'Ucraina Iscriviti alla newsletter quotidiana

Ucraina, i B-52 americani in missione sul fronte Nord

video I bombardieri americani B-52 volano sulle nevi della Norvegia, per testimoniare la volontà statunitense di proteggere gli alleati della Nato più vicini alla Russia. Poco dopo vengono raggiunti da un caccia F35 di Oslo: si ritrovano insieme l'aereo più moderno dell'Alleanza e quello più vecchio, perchè i B-52 sono in servizio da sessant'anni. Una coppia di bombardieri è stata schierata in Europa prima dell'invasione dell'Ucraina e sfrutta la sua autonomia per attraversare il continente con missioni quasi quotidiane. Nonostante l'età, l'ultima "Fortezza volante" resta uno strumento bellico poderoso, che può venire armato con una dozzina di missili cruise: mostra la capacità di deterrenza della Nato, in grado di prendere di mira qualsiasi zona del territorio russo.di Gianluca Di FeoSegui gli aggiornamenti dall'Ucraina Iscriviti alla newsletter quotidianaLo speciale "Sentieri di guerra"video Twitter