Beckham per l'Ucraina: 'presta' i suoi social alla dottoressa che salva i neonati a Kharkiv

video Nella mortifera tempesta di distruzione e vite spezzate che si è abbattuta sull'Ucraina, si intravedono piccoli (quasi impercettibili) barlumi di speranza. Sono i tanti gesti di solidarietà che si sono moltiplicati in queste settimane di conflitto. Se la maggior parte di questi sono rimasti nell'anonimato - come giusto che sia quando si parla di volontariato -, ce ne sono altri che hanno fatto notizia, specie sui social network. Uno di quelli che sta sfruttando la sua popolarità mediatica per aiutare la popolazione ucraina è l'ex Golden boy: David Beckham. Oltre alla mobilitazione per la raccolta fondi, l'ex calciatore di Machester United e Real Madrid ha infatti deciso di prestare per un giorno il suo profilo Instagram alla dottoressa Irina Kondratova, responsabile del centro perinatale di Kharkiv, allo scopo di documentare in modo diretto le condizioni di estrema difficoltà nelle quali sono costrette a partorire le donne ucraine. SEGUI GLI AGGIORNAMENTI DALL’UCRAINA ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA video Instagram / David Beckham

Hostomel, le truppe russe rastrellano casa per casa e fanno ostaggi. Il video ripreso dalle CCTV

video Le truppe russe avanzano in Ucraina verso la capitale. A Homstel un sobborgo di Kiev, i russi stanno facendo perquisizioni e rastrellamenti casa per casa. Nel video catturato da una CCTV esterna si vedono i soldati sfondare una porta di un palazzo entrare nell'ascensore e distruggere la camera di sicurezza interna. Intanto mentre fuori passa anche un carro armato, arriva un residente che alza le mani in segno di resa e viene preso in ostaggio.SEGUI LA DIRETTA ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA Telegram

Zelensky alla Knesset: "Il Cremlino usa parole dei nazisti, per noi vogliono la soluzione finale"

video Parlando alla Knesset, il Parlamento israeliano, il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha detto che"Il cremilino sta usando contro l'Ucraina termini dei nazisti, parlano di " soluzione finale", ha detto Zelensky. Secondo il presidente la Russia "vuole distruggere tutto ciò che rende ucraini gli ucraini: ecco perché uso il confronto con la vostra storia". "A Mosca la chiamano la 'soluzione finalè nei siti web e nei media ufficiali". "Sono parole che non dovrebbero essere più pronunciate e che invece sono state dette in un incontro a Mosca e in diversi eventi ufficiali. Sono le stesse parole usate 80 anni fa da Hitler per il popolo ebraico". SEGUI GLI AGGIORNAMENTI DALL’UCRAINA ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANA video Reuters

Il cane artificiere di Chernihiv che ha fiutato novanta ordigni inesplosi

video E' un cane jack russell chiamato Patron, "cartuccia" in ucraino, e lavora con i soccorritori e artificieri della SES Servizio Nazionale per le Emergenze a Chernihiv. Ha aiutato a disinnescare quasi 90 ordigni esplosivi dall'inizio dell'invasione su vasta scala. La sua miglior ricompensa? Un pezzetto di formaggio, la sua passione. In un video del Servizio Nazionale per le Emergenze, il piccolo Pallottola appare in 'uniforme', con un giubbotto antiproiettile confezionato a sua misura e che reca la scritta con il suo nome, mentre sale in macchina pronto ad andare alla ricerca di esplosivi e a salvare così molte vite umane.SEGUI LA DIRETTAISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANAVideo Telegram

A Kherson i manifestanti ucraini disarmati costringono il convoglio russo a tornare indietro

video Arrivano notizie di proteste di cittadini ucraini che si stanno svolgendo a Kherson, Kakhovka e Berdyansk, città sotto il controllo delle truppe russe. Un video, condiviso da Ukrayinska Pravda, mostra la folla che sventola le bandiere ucraine a Kherson, cantando "Kherson è l'Ucraina!". Nelle altre città le manifestazioni, da quanto riportato da agenzie ucraine, sono state represse dalle forze russe.SEGUI LA DIRETTAISCRIVITI ALLA NEWSLETTER QUOTIDIANAvideo Telegram

Auto sulla folla in Belgio, ma il Carnevale di Strépy non si ferma

video Un auto è piombata contro la folla festante per il tradizionale "ramassage des Gilles", la raccolta porta a porta delle maschere del Carnevale, questa mattina alle 5 a Strépy-Bracquegnies, villaggio La Louviere in Vallonia, in Belgio. Il bilancio è di 6 morti, 12 feriti gravi e una ventina più leggeri. Due persone del posto sono state fermate. "Non è privilegiata la pista terroristica", hanno dichiarato gli inquirenti in conferenza stampa. Nonostante la tragedia, il Carnevale che in Vallonia ha una tradizione antica e segna l'inizio della primavera, non si è fermato come invece era accaduto nei due anni scorsi di pandemia. Come omaggio alle vittime richiesto dalle famiglie colpite e dopo un minuto di silenzio, pur in tono minore, la manifestazione ha avuto luogo.di Stefano Baldolini  video Twitter Frédéric Delepierre, Le Soir