Senza Titolo

La ricetta del centrodestra per riformare l'assetto istituzionale del Paese è sempre stata una e una sola: il presidenzialismo. Eppure, in questi giorni, inizia a prendere forza l'idea di ammainare quella bandiera e virare verso l'ipotesi di un premierato. Nel governo si sono resi conto che insister

Senza Titolo

il caso/2Monica Serra / milano«L'ho visto. Ha confermato prezzo e quantità. Mi ha chiesto bozza del contratto, ha detto che firmeremo tra tre settimane, subito dopo l'incontro tra Masa e Dmko». Per gli investigatori sono Matteo Salvini e il vice primo ministro della Federazione Russa, Dmitry Kozac.

sanità a rischio

il casoNiccolò Carratelli / RomaTogliere la sanità (e la scuola) dal tavolo dell'autonomia differenziata. Lo chiedono con insistenza dal Pd, fino a dirsi «pronti alla barricate». Ma lo pensano anche in Forza Italia, come ripetono diversi presidenti di Regione del Sud, preoccupati di «dividere l'Ital

L'ora

il retroscenaIlario Lombardo / romaNon ci saranno correzioni e l'Europa non modificherà più nulla, lo sa benissimo Giorgia Meloni. La riforma del Mes passerà così com'è, tanto che il governo sta già lavorando per confezionare il testo con il quale avverrà la ratifica in Parlamento. Il formato scelto

Metropolis/244 - Open Arms, Palazzolo: "All'Ucciardone il duello Salvini-Conte"

video A Palermo nuova udienza del processo a Matteo Salvini, accusato di sequestro di persona e rifiuto di atti di ufficio, per non avere autorizzato nell'agosto 2019 lo sbarco di 147 migranti a bordo della nave Open Arms. Nell'aula bunker dell'Ucciardone è andato in scena uno scontro pesante tra l'ex premier e quello che era il suo ministro dell'interno nel governo giallo-verde. Il racconto dell'inviato Salvo Palazzolo per Metropolis. Immagini di Marta OcchipintiMontaggio Cinzia Comandè

Senza Titolo

il retroscenaFederico CapursoFrancesco Olivo / ROMANella sua giornata peggiore a Palazzo Chigi, Giorgia Meloni si ritrova sola. Ha un consenso forte, ma in tempi mutevoli e nevrotici, basta un niente per far cambiare il vento. L'ondata di malcontento scatenata dagli aumenti, veri, percepiti o gonfia

Senza Titolo

Alessandro Barbera /ROMAPer dirla con le parole del ministro della Difesa (Guido Crosetto), il machete è rimasto nella fondina. La lotteria delle prime tre nomine importanti del governo Meloni è terminata con due conferme su tre. E che conferme. Ernesto Maria Ruffici, ai vertici della macchina fisca

Senza Titolo

il retroscenaFederico Capurso / RomaIl riordino del comparto di intelligence rappresenta l'ultimo passo di quella «transizione dolce» voluta da Giorgia Meloni nel passaggio di consegne con Mario Draghi. I suoi uomini più fidati assicurano «aggiustamenti mirati», e questo potrebbe soprattutto far cad

Senza Titolo

Ilario Lombardo / RomaPer Giorgia Meloni è come se Silvio Berlusconi, né più né meno, gli volesse vendere la Fontana di Trevi. Qualcosa che non esiste nelle forme immaginate dal fondatore di Forza Italia. «In Italia c'è già un grande partito conservatore - è il ragionamento attribuito alla premier d

Senza Titolo

il casoUgo MagriL'intero schieramento politico si riconosce nel messaggio che Sergio Mattarella ha pronunciato, secondo tradizione, la sera di San Silvestro. La prima a complimentarsi per telefono è stata Giorgia Meloni, a riprova che i suoi rapporti col Colle sono tutt'altro che negativi; hanno gar

Senza Titolo

il dossierAlessandro Barbera / ROMALa prima decisione delicata per Giorgia Meloni riguarda il direttore generale del Tesoro, forse il più importante dei funzionari dello Stato: la maggioranza chiede all'unisono la rimozione di Alessandro Rivera, ma il ministro Giancarlo Giorgetti gli fa scudo. A gen

Metropolis/235 - ComproMessi. Pos, Qatar e tetto sul gas: cosa cambia. Con Mauro, Molinari, Nicolosi, Picierno e Zaia (integrale)

video Manovra, parte l'esame degli emendamenti e si va verso la seduta notturna. Quali i nodi più difficili da sciogliere? Qatargate, i giudici di Brescia decidono per l'estradizione di moglie e figlia di Panzeri. Doha taglierà il gas a Bruxelles? Intanto il Consiglio Energia dell'Ue raggiunge un accordo sul price cap: 180 euro. L'indagine si allarga ad Avramopoulos e Mogherini. Oltre i Mondiali, il confronto impossibile tra Maradona e Messi. Musk fa votare 17 milioni di follower e viene bocciato. Oggi sono con noi Pina Picierno, vicepresidente del Parlamento Europeo e il presidente della Regione Veneto Luca Zaia. Da Bruxelles: Angela Mauro. Da Montecitorio: Gabriele Rizzardi. Da Torino: Maurizio Crosetti. Con un videoracconto della visita di Matteo Salvini a Lampedusa di Salvo Palazzolo e i sentieri di guerra in video di Gianluca Di Feo. In studio con Gerardo Greco: il direttore di Repubblica Maurizio Molinari e il regista Valerio Nicolosi, regista del doc Formiche, 100 giorni vissuti sulle navi umanitarie. Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica