Senza Titolo

La ricetta del centrodestra per riformare l'assetto istituzionale del Paese è sempre stata una e una sola: il presidenzialismo. Eppure, in questi giorni, inizia a prendere forza l'idea di ammainare quella bandiera e virare verso l'ipotesi di un premierato. Nel governo si sono resi conto che insister

Senza Titolo

il retroscenaIlario LombardoINVIATO AD ALGERIGiorgia Meloni sta per prendere un aereo che la porta in Algeria. È ora di pranzo, nel dossier che le hanno preparato i diplomatici c'è tutto quello che deve sapere sul gas e sul piano per rendere l'Italia un hub energetico nel Mediterraneo e per tutta l'

Senza Titolo

Luca Monticelli / RomaEsplode la rabbia dei benzinai che decidono di incrociare le braccia e se la prendono con il governo. Non ci stanno a passare per i colpevoli della risalita dei prezzi e vanno all'attacco: «Per porre fine a questa ondata di fango contro una categoria di onesti lavoratori e cerc

Senza Titolo

il retroscenaFederico Capurso / RomaIl riordino del comparto di intelligence rappresenta l'ultimo passo di quella «transizione dolce» voluta da Giorgia Meloni nel passaggio di consegne con Mario Draghi. I suoi uomini più fidati assicurano «aggiustamenti mirati», e questo potrebbe soprattutto far cad

Senza Titolo

Ilario Lombardo / RomaPer Giorgia Meloni è come se Silvio Berlusconi, né più né meno, gli volesse vendere la Fontana di Trevi. Qualcosa che non esiste nelle forme immaginate dal fondatore di Forza Italia. «In Italia c'è già un grande partito conservatore - è il ragionamento attribuito alla premier d

Senza Titolo

la giornataRomaPeggio del previsto: i prezzi del gas, per i consumi di dicembre dei clienti del mercato tutelato, salgono del 23,3%, contro il 15-20% delle stime della vigilia. Secondo i calcoli dell'Autorità dell'energia questo si traduce in un aumento del 64,8% della spesa annuale di una famiglia

Senza Titolo

il casoUgo MagriL'intero schieramento politico si riconosce nel messaggio che Sergio Mattarella ha pronunciato, secondo tradizione, la sera di San Silvestro. La prima a complimentarsi per telefono è stata Giorgia Meloni, a riprova che i suoi rapporti col Colle sono tutt'altro che negativi; hanno gar

Senza Titolo

Anche sul bonus cultura il governo innesta la retromarcia. Come ha spiegato ieri sera in Commissione Bilancio il sottosegretario all'Economia Federico Freni «per l'erogazione nel 2023 del bonus cultura saranno utilizzate le precedenti regole, mentre il nuovo meccanismo che prevede il possibile doppi

Senza Titolo

Federico Capurso / RomaIl candidato alla segreteria del Pd, Stefano Bonaccini, annuncia che se vincerà il congresso incontrerà Giorgia Meloni. Sulla scia di Carlo Calenda, si direbbe. Anche se forse Bonaccini non subisce il "fascino" della storia della premier, come il leader del Terzo Polo, e sopra

Metropolis/225 - Renzi contro (quasi) tutti: "Pd bella addormentata, perché segue Giuseppe condono Conte?"

video Matteo Renzi, senatore e leader Iv ex segretario dem, incalzato dal direttore di Repubblica Maurizio Molinari a Metropolis attacca la linea del Pd che secondo lui insegue i 5 Stelle senza una strategia. E attacca la non linea di Conte, che "prende le forme" delle persone che incontra. Faccia a faccia sopresa poi con il forzista Cattaneo, che non ha digerito la visita di Calenda a Palazzo Chigi per dare consigli non richiesti sulla manovra: "L'ha fatta fuori dal vaso!", si fa scappare il senatore azzurro. Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica

Senza Titolo

Roma Pd e 5stelle fanno a gara per chi porterà prima il popolo in piazza contro la manovra: Conte sta pensando al 10 dicembre per la sua marcia in difesa del reddito di cittadinanza, per battere sul tempo la manifestazione dem del 17 a cui non vuole assoggettarsi. Nel Movimento si discute se alzare

De Luca racconta i pranzi con Renzi: "Mi ha offerto una ribollita insipida, poi si è scofanato le mie mozzarelle"

video Un botta e risposta a suon di specialità toscane e campane, dove ovviamente a vincere sono state le seconde. Almeno a detta delgovernatore della Campania Vincenzo De Luca che ha raccontato ad Andrea Rossi, sulla pagina social 'Alici come prima', un suo pranzo con l'ex presidente del Consiglio Matteo Renzi a base di "ribollita sciapa e insipida". E così, al pranzo successivo, De Luca ha rilanciato con delle mozzarelle (sia salernitane che casertane) che Renzi si è "scofanato".Video Instagram - Alici come prima

Moratti candidata con il Terzo Polo

Monica Serra / milanoL'annuncio tanto atteso e discusso è arrivato: alle prossime elezioni regionali, Letizia Moratti sarà la candidata del Terzo Polo. Il percorso avviato ormai alla luce del sole con Carlo Calenda e Matteo Renzi è «un progetto forte ed attento ai territori - scrive lei stessa in un

Manifestazione per la pace a Milano, Calenda contro il corteo di Roma: "Siamo in favore della guerra per difenderci"

video Moltissime persone sono scese in piazza per partecipare alla manifestazione in sostegno del popolo ucraino, promossa dal Terzo Polo con Carlo Calenda e Matteo Renzi all’arco della Pace di Milano. Oltre alle associazioni degli ucraini in Italia e l’associazione dei giovani iraniani in Italia, vi è stata una adesione anche del senatore dem Pier Ferdinando Casini, l’economista Carlo Cottarelli, l’ex vicepresidente della Regione Lombardia Letizia Moratti, l’ex deputato e ora tesoriere dell’Associazione Luca Coscioni, Marco Cappato, ed esponenti dei Radicali e del terzo polo come Matteo Renzi, Mara Carfagna e Maria Stella Gelmini. Ma il colpo d’occhio più evidente dalla piazza è stata la totale assenza di bandiere arcobaleno, sostituite da cartelli e bandiere giallo blu con il motto nazionale “Slava Ukraini”. “Forse Conte è un po’ confuso”, ha aggiunto il leader di Azione, Carlo Calenda, “questa è una piazza che non confonde la pace con l’annessione e l’oppressione. Una piazza che capisce il significato di pace per la libertà e pace come pacificazione di popoli oppressi. La parola pacificazione è stata utilizzata da tutti i dittatori ogni qual volta hanno fatto una guerra”.Di Edoardo Bianchi