Metropolis/227 - "Appunti di vista". Cosa c'è nell'agenda Meloni? Ospiti: Schlein, Bonino, Castelli, D'Amato e Perotti. Con Molinari (integrale)

video Marcia indietro sul pos? Il Pnrr si può rinegoziare? E ancora: il ponte sullo stretto si fa o è solo propaganda? Insomma, cosa c'è scritto nelle carte della premier, che intanto vede la sua manovra bocciata da Bankitalia. E poi il Partito democratico. Succede tutto nel weekend: sabato si candida Bonaccini, domenica Schlein, in contemporanea o quasi con l'assemblea di Italia Viva di Renzi. I tempi del congresso sono troppo lunghi? Riusciranno a chiudere la partita in tempo per le regionali? Ne parliamo oggi a Metropolis con il candidato del Pd-Terzo Polo alla regione Lazio, Alessio D'Amato, e con l'economista Roberto Perotti. Si collegano con noi anche l'ex ministro della Lega Nord Roberto Castelli e la leader di Europa Emma Bonino. In chiusura, va in scena il comico romano Max Paiella. Da Montecitorio c'è Gabriele Rizzardi. Con un servizio dal Monk di Roma di Giulio Ucciero e uno da Genova di Matteo Macor. In studio il direttore di Repubblica Maurizio Molinari Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica

Funerali Maroni, Giorgia Meloni si commuove ascoltando le parole del figlio dell'ex governatore lombardo

video Funerali di Stato per l'ex ministro dell'Interno ed ex presidente della regione Lombardia Roberto Maroni, primo segretario della Lega Nord dopo Umberto Bossi. Erano presenti il presidente del Senato Ignazio La Russa, il presidente della Camera, Lorenzo Fontana, la premier, Giorgia Meloni, il vice presidente del Senato, Gian Marco Centinaio, il ministro degli esteri Antonio Tajani, il ministro dell'economia, Giancarlo Giorgetti e il segretario della Lega, Matteo Salvini. Meloni è stata accolta con un applauso al suo arrivo in basilica e ha partecipato al funerale visibilmente commossa. "Era una persona capace di grande concretezza e visione. Una delle persone che ho conosciuto che più sapevano fare gioco di squadra. Ne ho un ricordo straordinario. Tra l'altro ci sentivamo. Penso che l 'Italia sia stata fortunata a poter contare su una persona così". Così la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni uscendo dalla Basilica di San Vittore a Varese. L'ARTICOLO Funerali di Roberto Maroni, a Varese anche Giorgia Meloni: "L'Italia fortunata a poter contare su di lui" di Daniele Alberti

Metropolis/201 - Fiducia al governo Meloni, gran confusione al Senato: Grillo e Borghezio si prendono la scena

video Seconda fiducia per il governo Meloni, questa volta al Senato. Mentre l'attesa per il discorso serale di Berlusconi sale, in centro a Roma spuntano due volti noti. Prima Beppe Grillo, che convoca i parlamentari 5s: "Spero il governo duri a lungo". Poi l'ex Lega Nord Mario Borghezio, che capitava di lì: "Le nostre idee stanno vincendo". Il servizio di Giulio UccieroMontaggio di Cinzia Comandè Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica

Gli 80 anni di Bossi, la vecchia Lega Nord si raduna e il senatur li chiama: "Grazie a tutti!"

video Per celebrare gli 80 anni di Bossi, fondatore della Lega Nord, l'ex ministro della Giustizia del governo Berlusconi I, Roberto Castelli, ha organizzato una festa a Cisano, dove si sono radunati una trentina di militanti. Alla festa per il senatur, che ha celebrato il compleanno nella sua casa di Gemonio, con la famiglia, erano presenti il vicepresidente della Senato Calderoli e il segretario della Lega Lombarda. Bossi è intervenuto il telefono salutando i presenti. Ha telefonato anche il segretario della Lega, Matteo Salvini, che non è riuscito a presenziare all'evento di Daniele Alberti

Senza Titolo

RUEGLIO Dopo una lunga malattia s'è spento sabato scorso, nella sua casa di Torino, Pietro Ragionieri, 83 anni, ex presidente della Comunità montana Valchiusella e sindaco di Rueglio dal 1992 al 1999. Tra gli altri incarichi rivestiti, quello di vicepresidente e presidente facente funzioni del Teatr

Omicidio Franco Colleoni, la ricostruzione dei carabinieri: "Rapporti difficili col figlio, fatale ultima lite"

video "Tutto è nato da un litigio causato da motivi di lavoro relativi al ristorante di famiglia". Il comandante dei carabinieri di Treviglio Filippo Testa ricostruisce dinamica e movente dell'omicidio di Franco Colleoni, l’ex-segretario provinciale della Lega Nord di Bergamo, per il quale è in stato di fermo il figlio Francesco, 34 anni. "A seguito della colluttazione la vittima è cascata per terra e - continua Testa - l'aggressore ne ha sbattuto ripetute volte il cranio su una pietra presente nel giardino". Secondo quanto emerso dagli interrogatori dei familiari e dello stesso figlio "i rapporti con il padre non erano idilliaci e litigavano spesso per il ristorante di famiglia". "Il Carroccio" di Dalmine era chiuso dallo scorso 23 febbraio a causa della pandemia di Covid. Il figlio di Colleoni ha ammesso la colluttazione ma ha detto anche di "non ricordare" gli eventi che hanno condotto alla morte del padre.di Andrea Lattanzi

Senza Titolo

IvreaAdriano Olivetti,un vero gentlemanGentile direttore,gradirei ricordarle Adriano Olivetti con un piccolo episodio concernente l'incontro con l'ingegner avvenuto attorno all'anno 1954. Ricordando che in quel periodo i rapporti e gli incontri nell'ambiente di lavoro nei confronti dei superiori era

Senza Titolo

Roma Secondo l'indagine di Mediamonitor.it la parola «scuola» è stata menzionata oltre 100mila volte dal 10 agosto al 9 settembre. Contagio, mascherine, trasporti e chiusura le parole associate più frequentemente alla ripartenza dell'anno scolastico. In pratica sui media italiani «scuola» è stata ci

Senza Titolo

Amedeo La Mattina / roma Il decreto Agosto di 25 miliardi come al solito non accontenta nessuno e fa venire a galla le vecchie divisioni tra Nord e Sud. Confindustria esprime un giudizio poco lusinghiero sull'intera manovra perché si aspettava misure e risorse tutte centrate sul lato dell'offerta, o