Metropolis - Governo, Polverini: "Situazione incendiaria. Berlusconi bombarda Meloni con questi audio"

video Renata Polverini, ex deputata di Forza Italia, commenta a Metropolis il secondo audio in cui Berlusconi accusa Zelensky: "Gli elettori di Forza Italia sono increduli perché questo partito doveva essere moderato. Berlusconi non è uno sprovveduto eppure consente che escano fuori delle dichiarazioni in puntate che mettono in difficoltà Meloni ormai a un passo da Palazzo Chigi". Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica

Metropolis/195 - "C'era una vodka". Terremoto Berlusconi: come arriva Meloni al Quirinale? Ospiti: Benifei, Bersani, Cacciari e Polverini. Con Bonini e Schianchi (integrale)

video Da 48 ore il caso Berlusconi sta minando il centrodestra. E spunta un nuovo audio. Gli alleati andranno compatti da Mattarella? Il governo Meloni è davvero pronto? Le parole del Cavaliere su Putin e Casellati mettono in dubbio la tenuta della maggioranza, mentre la Lega alza la posta e richiede il Viminale. E l’opposizione che fa? Si divide: all’elezione dei vicepresidenti delle camere, Pd e 5s si spartiscono la posta, mentre il terzo polo rimane a bocca asciutta. A Metropolis, in ordine di scaletta: l’ex segretario dem Pierluigi Bersani, il filosofo Massimo Cacciari, il capogruppo Pd a Bruxelles Brando Benifei e l’ex deputata di Forza Italia, Renata Polverini. In collegamento da Montecitorio Gabriele Rizzardi. In studio con Gerardo Greco: Francesca Schianchi e Carlo Bonini Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di Repubblica

Metropolis/195 - Cacciari: "A Berlusconi manca l'autocensura propria di una persona responsabile"

video "Non ci sono più leader nè in Europa nè negli Stati Uniti..l'unico vero leader sono io". Queste sono le parole di Silvio Berlusconi trapelate dall'audio esclusivo durante la riunione di FI alla Camera. Il filosofo Massimo Cacciari commenta a Metropolis: "Condivido quando dice che non ci sono più leader validi in Europa. Se ci fossero stati, la situazione sarebbe completamente diversa. Il problema si pone nel momento in cui è lui a dirlo". Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito.

Metropolis/195 - Governo, Bersani: "A Meloni io direi di chiedere aiuto"

video Alla vigilia delle consultazioni al Quirinale, il centro destra è nella bufera. L'ex ministro dello sviluppo economico Pirluigi Bersani commenta a Metropolis: "Questa situazione complicata deriva dal fatto che il centrodestra si è 'ammucchiato' per vincere le elezioni, ma non si è unito per governare. Pd e M5s? Ma vogliono parlarsi e dare al paese il segnale che hanno un minimo senso di responsabilità?" Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito.

Volley, Paola Egonu: "Ho ricevuto tantissimo affetto. All'Italia ho dato solo l'arrivederci"

video Premiata come migliore realizzatrice della scorsa stagione, Paola Egonu è stata protagonista della presentazione della stagione 2022-23 della Serie A di pallavolo femminile, a Milano. "L'affetto ricevuto è stato tantissimo e l'ho percepito tutto", ha detto, dopo il bronzo mondiale e l'annuncio di una pausa dalla Nazionale come risposta a chi l'ha criticata per il colore della sua pelle". Nella prossima stagione Paola Egonu non giocherà nel nostro campionato: si è trasferita da Conegliano al VakifBank Instanbul. Ma è solo un arrivederci all'Italia e alla sua Nazionale: "L'ho già detto - le sue parole - e lo penso ancora" Video della Lega Volley FemminileLega Volley Femminile

Nuovo audio di Berlusconi: "Putin non voleva la guerra: Zelensky ha triplicato gli attacchi nel Donbass"

video "Sapete com'è avvenuta la cosa della Russia? Anche su questo vi prego, però, il massimo riserbo. Promettete?". Inizia così il secondo audio diffuso dall'agenzia LaPresse, che riproduce le parole pronunciate da Silvio Berlusconi durante il suo intervento alla riunione dell'assemblea di Forza Italia alla Camera per l'elezione del capogruppo. Parole che rischiano di incrinare ancora di più i rapporti con Meloni e la coalizione di centro-destra. "La cosa è andata così: nel 2014 a Minsk, in Bielorussia, si firma un accordo tra l'Ucraina e le due neocostituite repubbliche del Donbass per un accordo di pace senza che nessuno attaccasse l'altro. L'Ucraina butta al diavolo questo trattato un anno dopo e comincia ad attaccare le frontiere delle due repubbliche. Le due repubbliche subiscono vittime tra i militari che arrivano, mi si dice, a 5-6-7mila morti. Arriva Zelensky, triplica gli attacchi alle due repubbliche". Putin, nella versione di Berlusconi, è contrario a qualsiasi iniziativa, resiste, subisce una pressione forte da tutta la Russia. E allora si decide a inventare una operazione speciale. "È entrato in Ucraina e si è trovato di fronte a una situazione imprevista e imprevedibile di resistenza da parte degli ucraini, che hanno cominciato dal terzo giorno a ricevere soldi e armi dall'Occidente. E la guerra, invece di essere una operazione di due settimane, è diventata una guerra di duecento e rotti anni. Quindi, questa è la situazione della guerra in Ucraina". L'AUDIO DI BERLUSCONI: "HO RIALLACCIATO I RAPPORTI CON PUTIN"video LaPresse

Renzi: "Pd e M5s ci hanno buttato fuori da tutto, non partecipiamo al voto"

video "Ci sono quattro posti di vicepresidenza per le opposizioni, che vengono sempre divisi. Ci sono tre opposizioni, cosa hanno fatto Pd e 5 Stelle? Hanno tagliato fuori noi e ci hanno buttato fuori da tutto. Questo è un modo di fare non rispettoso delle regole e dei precedenti. Quindi noi non partecipiamo al voto e non c'è nessuna divisione tra me e Calenda, abbiamo semplicemente deciso che alle consultazioni va Carlo e non io. Se vi ricordate anche in passato per altre consultazioni io non sono andato per lasciare spazio ad altri". Lo ha detto il leader di Iv, Matteo Renzi, parlando con i cronisti all'ingresso di Palazzo Madama.Video Ansa

Milano, una delle collezioni di ossa più grandi al mondo diventa un museo per restituire diritti ai morti

video Il nuovo 'Museo universitario delle scienze antropologiche, mediche e forensi per i diritti umani', della Statale aprirà le porte al pubblico il 2 novembre: l'obiettivo è far conoscere "quello che la scienza può fare per la giustizia e per i diritti umani" restituendo dignità ai morti e ai loro familiari. Dai cassetti contenenti le ossa di abitanti milanesi del Medioevo fino ad arrivare ai giorni nostri: si tratta della collezione antropologica di Cristina Cattaneo, docente di Medicina Legale e di Antropologia dell'Università degli Studi di Milano e Direttrice del Labanof, Laboratorio di Antropologia e Odontologia Forense. “Vengono anche da fuori Italia a vedere quella che è una delle collezioni scheletriche più grandi del mondo" ha spiegato. Di Daniele Alberti