FdI, prima "ipoteca" sulle comunali Nel mirino Vedelago e Nervesa

TREVISOLuca De Carlo aveva subito rassicurato Zaia e Lega: «Nessuna conseguenza del voto sulla Regione». E a livello provinciale, a cascata, analogo messaggio è giunto a Stefano Marcon, presidente del Sant'Artemio: «Non ci sarà alcuna ripercussione sulla Provincia». Conferma diretta dal presidente leghista, nel commentare la tornata elettorale che ha scompaginato il quadro politico trevigiano, veneto e nazionale a favore degli alleati di FdI. «È evidente che il risultato avuto nella Marca al di sotto delle aspettative ha imposto riflessioni che sono sfociate nell'indizione dei congressi provinciali», ha detto Marcon, «C'è consapevolezza che bisogna cambiare passo, ma le aspettative degli elettori passano attraverso i congressi e noi stiamo lavorando». Poi un messaggio al nuovo governo: «Auspico che la nuova compagine di governo prenda in mano la riforma delle province per superare la legge Del Rio, spero che si occupi della riforma degli enti pubblici e si torni all'elettività della Provincia». Battaglia antica, non solo di Marcon, ma della Lega federalista, che dovrà misurarsi con il centralismo dell'alleato FdI. Ma intanto si profila all'orizzonte la partita delle comunali 2023. Se il commissario provinciale di FdI, Giuseppe Montuori, ha subito rassicurato Mario Conte per il capoluogo, non per questo i "fratelli trevigiani" rinunceranno a far valere il loro peso negli altri Comuni al voto. Si punta ad incrementare la pattuglia di primi cittadini inaugurata da Marco Della Pietra a Spresiano.E dunque si guarda alla tornata di primavera. L'altro grande Comune a doppio turno è Vedelago, dove la sindaca uscente leghista Cristina Andretta è al secondo mandato. Congiuntura che spinge FdI a mettere nel mirino il Comune, in coalizione con la Lega e Fi. Oggi i meloniani sono all'opposizione, con Oscar Bordignon (in giunta con Marcon a Sant'Artemio, all'opposizione della Lega in Comune) e Antonietta Vettoretto. Ma si stanno avvicinando Renzo Franco, ex assessore delle Lega Nord. Ma attenzione, di Vedelago è Roberta Garbuio, assessore a Castelfranco nella giunta Marcon 2... Quanti potenziali candidati, per FdI.E Nervesa? Commissariata e al voto dopo la sfiducia al sindaco leghista Fabio Vettori, al secondo mandato. E anche qui FdI potrebbe puntare le sue fiche per chiedere di esprimere il prossimo candidato a primo cittadino.Cosa dirà la Lega? Inizia una delicatissima partita a scacchi. Altri Comuni al voto sono Istrana e Motta di Livenza, con sindaci uscenti al primo mandato e su cui c'è volontà di riconferma. A Castello di Godego l'uscente Diego Parisotto è di area FdI. A San Biagio l'uscente è Alberto Cappelletto (Pd), al secondo mandato, mentre a Mareno il civico uscente Gian Pietro Cattai può ricandidarsi. Infine Moriago: anche qui Giuseppe Tonello conclude il secondo mandato. --A.p.