L'arciere Elia Battaglia come Robin Hood Palio di Castelfranco, vince San Floriano

LA FESTAAlle 17 in punto di ieri è partita la disfida per conquistare il forziere, prima a colpi di spada, poi incoccando le frecce, alla fine ha vinto il borgo di San Floriano grazie all'abilità di arciere di messer Elia Battaglia. Così si è guadagnato il diritto di tenere per un anno il forziere che rievoca l'antica tradizione risalente al 1225 quando un forziere del tesoro di Federico II fu lasciato in custodia alla città e da allora i borghi ogni anno si sono contesi il diritto di custodirlo con un torneo di cavalieri. A consegnarlo nelle mani del cavaliere vincitore e del borgo di cui difendeva i colori è stato il sindaco Stefano Marcon al termine della tre giorni del Palio di Castelfranco, che ieri, tra i visitatori, ha avuto pure Piero Fassino in tour elettorale. Il Torneo del forziere era la novità di quest'anno: visto che la pandemia non è ancora cessata, gli organizzatori avevano infatti rinunciato all'assalto al Castel d'amore e al torneo del gioco del pallone per lasciare spazio a questo torneo a suon di duelli tra i 16 borghi castellani per decretare il vincitore. Un torneo ad eliminazione finché la rosa si è ristretta a tre contendenti e alla fine è stato decretato vincitore, tra il tripudio dei supporter di San Floriano. L'ultima disfida a tre con l'arco dopo i duelli con la spada sono stati Borgo Padova con messer Luca di Berardo, madonna Nicole dei Boin per Borgo Valsugana alleata con Sant'Andrea, borgo che ha rinunciato a tirare, e appunto messer Elia Battaglia. Nove centri ha fatto l'arciere di San Floriano, sette a testa gli altri due e così San Floriano ha vinto di stretta misura e custodirà il forziere ricevuto dal sindaco che era accompagnato dal suo vice e dagli assessori. L'ultima giornata del Palio di Castelfranco era iniziata al mattino alle 10, nella zona dei Giardini Nord-Est con l'apertura del mercato medievale e dell'accampamento militare che rinnovava quelli medievali, risalenti ai tempi della fondazione della città castellana. E lì, dopo un preludio con tamburi storici e duelli, si è svolto poi il Torneo del Forziere. Ottima la partecipazione del pubblico, grazie anche alla bella giornata di sole. «È stata una edizione strepitosa questo venticinquesimo palio - dice Gianmaria Pizzolato, il presidente, tirando le somme della manifestazione- C'è stato davvero un bellissimo corteo sabato sera, abbiamo avuto per la prima volta l'investitura di un cavaliere e anche questa novità del Torneo del Forziere è stata un ottimo successo di partecipazione e di pubblico». --ENZO FAVERO© RIPRODUZIONE RISERVATA