Vedelago stecca la prima a Caldogno

CALDOGN0 Prestazione deludente per il Vedelago, battuto a Caldogno nell'andata dei playout. In chiave salvezza si mette male: domenica prossima, nel ritorno al "Bolge", sarà necessario vincere con almeno due gol di scarto. Partita tesa a Caldogno, con entrambe le squadre attente a non sbagliare, tant'è che il primo tempo fila liscio senza occasioni. L'equilibrio si sblocca in avvio di ripresa, quando un errore difensivo del Vedelago permette ai vicentini di triangolare al limite dell'area e di calciare sul palo lungo trovando il gol dell'1-0. La reazione degli ospiti non è immediata, così il mister biancoceleste fa entrare in rapida successione Dezai, Fabrin e Veronese, nella speranza di aumentare ritmo e incisività. Qualcosa si vede, come l'ottimo tiro dal limite di Volpato (miracolo del portiere). La svolta potrebbe arrivare dopo l'inferiorità numerica della formazione berica. In 11 contro 10, il Vedelago produce due occasioni, prima in mischia, poi con un bel diagonale di Fabrin: ma non va. E nel finale la frittata è servita: un passaggio errato all'indietro di Gelain permette al Caldogno di presentarsi a tu per tu con Piovesan e di batterlo per la seconda volta. Il tecnico Loris Volpato non nasconde l'amarezza: «La nostra partita non è stata all'altezza, mi aspettavo più ardore dai miei giocatori. Ero convinto di portare a casa un buon risultato, evidentemente non sono riuscito a trasmetterglielo. Ora confido nell'orgoglio dei ragazzi affinché giochino almeno un'ottima prestazione nella gara di ritorno, a prescindere dal risultato». (a.zan.)