Inter, la furia di Bastoni in panchina quando Inzaghi lo sostituisce alla mezz'ora del primo tempo

video Le immagini esclusive di Dazn mostrano la reazione furiosa in panchina di Alessandro Bastoni, sostituito dal tecnico Simone Inzaghi al 31' del primo tempo della partita che l'Inter ha poi perso 3-1 in casa dell'Udinese. Il difensore della Nazionale - uscito con Henrikh Mkhitaryan, al loro posto sono entrati in campo Federico Dimarco e Roberto Gagliardini - appena si siede in panchina inizia a "maltrattarla", con calci e colpi di schiena. Accanto a lui il difensore tedesco Robin Gosens, che cerca di far ragionare il compagno dicendogli: "Stai calmo, ti guardano tutti".Dazn

Terremoto a Taiwan, un ponte viene devastato dalla potenza del sisma

video Un terremoto di magnitudo 7.2 ha colpito nell'est di Taiwan, secondo quanto segnala l'istituto geosismico americano Usgs, che colloca l'epicentro a 85 km a est di Yujing e a una profondità di 10 km. Ieri c'era stata un'altra scossa nel paese dell'estremo oriente di magnitudo 6.6. Nelle immagini il Gaoliao Bridge nei pressi della città di Yuli nella contea di Hualien completamente devastato dalla violenza del sisma. Tre persone che stavano attraversando la struttura con le loro autovetture sono state salvate e portate in ospedale dopo il crollo del ponte. L'ARTICOLO Terremoto di magnitudo 7,2 a Taiwan, allerta tsunami in Giapponevideo Twitter

Senigallia, finita l'allerta si continua a spalare il fango

video Si è conclusa l'allerta a Senigallia (Ancona), ma è ancora molto il lavoro da fare per ripulire strade, case e negozi dal fango che li ha invasi. Tra piazza Simoncelli e via Gherardi, beni di vario tipo ed elettrodomestici giacciono accatastati fuori dagli esercizi, e i cittadini continuano a spalare il fango per liberare abitazioni e negozi. L'ARTICOLO Il disastro del Misa e l'opera incompiuta attesa da 40 annivideo Localteam

A Monza Letta sfida la Lega con 500 sindaci: "Pontida oggi è diventata provincia dell'Ungheria"

video A 35 km dalla festa di Pontida, il Partito Democratico ha radunato, insieme al suo segretario Enrico Letta, i sindaci del partito come da contrapporre la sua piazza a quella storica leghista. Da Beppe Sala a Dario Nardella, tantissimi i sindaci hanno risposto all’appello sono arrivati sul palco di piazza Roma a lanciare un messaggio opposto rispetto a quello di Pontida. “Pontida oggi è diventata provincia dell'Ungheria, non vogliamo un'Italia provincia dell'Ungheria". Ha detto Enrico Letta a margine della manifestazione. "Non vogliamo che l'Italia segua il messaggio di Pontida, il modello dell'Ungheria: non vogliamo - ha aggiunto - che vada verso una democrazia che si sta perdendo, non vogliamo quel modello, non vogliamo un'Italia che cede a Putin e Orban. Vogliamo una Italia che sia cuore dell'Europa e che sia fedele alle sue alleanze".Di Daniele Alberti SEGUI GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA