NODO RIFORME: DI TATTICA SI PUÒ MORIRE

di ANDREA SARUBBI Il 6 aprile dello scorso anno, in piena campagna elettorale per le Europee, Renato Brunetta era una furia: l’Italicum, trasmesso al Senato a metà marzo, giaceva da tre settimane nei cassetti della Commissione Affari Costituzionali di Palazzo Madama. Tre settimane, non tre

NODO RIFORME: DI TATTICA SI PUÒ MORIRE

di ANDREA SARUBBI Il 6 aprile dello scorso anno, in piena campagna elettorale per le Europee, Renato Brunetta era una furia: l’Italicum, trasmesso al Senato a metà marzo, giaceva da tre settimane nei cassetti della Commissione Affari Costituzionali di Palazzo Madama. Tre settimane, non tre

NODO RIFORME: DI TATTICA SI PUÒ MORIRE

di ANDREA SARUBBI Il 6 aprile dello scorso anno, in piena campagna elettorale per le Europee, Renato Brunetta era una furia: l’Italicum, trasmesso al Senato a metà marzo, giaceva da tre settimane nei cassetti della Commissione Affari Costituzionali di Palazzo Madama. Tre settimane, non tre

NODO RIFORME: DI TATTICA SI PUÒ MORIRE

di ANDREA SARUBBI Il 6 aprile dello scorso anno, in piena campagna elettorale per le Europee, Renato Brunetta era una furia: l’Italicum, trasmesso al Senato a metà marzo, giaceva da tre settimane nei cassetti della Commissione Affari Costituzionali di Palazzo Madama. Tre settimane, non tre

Brunetta, resa dei conti a Ravello

di Angelo Di Marino wROMA In Campania il clima è da campagna elettorale. Da un lato un Pd che si arrovella sulle primarie che non vuole fare per non dare spago a De Luca e Cozzolino. Dall’altro un centrodestra frantumato che fa fatica a (ri)compattarsi sul nome di Stefano Caldoro, governat

Brunetta, resa dei conti a Ravello

di Angelo Di Marino wROMA In Campania il clima è da campagna elettorale. Da un lato un Pd che si arrovella sulle primarie che non vuole fare per non dare spago a De Luca e Cozzolino. Dall’altro un centrodestra frantumato che fa fatica a (ri)compattarsi sul nome di Stefano Caldoro, governat

Brunetta, resa dei conti a Ravello

di Angelo Di Marino wROMA In Campania il clima è da campagna elettorale. Da un lato un Pd che si arrovella sulle primarie che non vuole fare per non dare spago a De Luca e Cozzolino. Dall’altro un centrodestra frantumato che fa fatica a (ri)compattarsi sul nome di Stefano Caldoro, governat

Brunetta, resa dei conti a Ravello

di Angelo Di Marino wROMA In Campania il clima è da campagna elettorale. Da un lato un Pd che si arrovella sulle primarie che non vuole fare per non dare spago a De Luca e Cozzolino. Dall’altro un centrodestra frantumato che fa fatica a (ri)compattarsi sul nome di Stefano Caldoro, governat

DI TATTICA SI PUÒ MORIRE

di ANDREA SARUBBI Il 6 aprile dello scorso anno, in piena campagna elettorale per le Europee, Renato Brunetta era una furia: l’Italicum, trasmesso al Senato a metà marzo, giaceva da tre settimane nei cassetti della Commissione Affari Costituzionali di Palazzo Madama. Tre settimane, non tre