Senza Titolo

Per una città come Trieste, il cui sguardo è strutturalmente rivolto (anche) a Est, la guerra in Ucraina rimanda a reminiscenze ed echi tragici. A partire da quelli balcanici del conflitto che ha dissolto l'ex Jugoslavia, l'ultima volta - ora dobbiamo dire la penultima - in cui la guerra tornò a mie

Senza Titolo

il ritrattoANNA ZAFESOVA«Il presidente è qui, siamo tutti qui». Volodymyr Zelensky gira un video tenendo il telefonino in mano, con il premier, il capo del suo staff e i capigruppo parlamentarial a circondarlo nel buio della via Bankova, con alle spalle il pesante colonnato della sede della presiden

Assedio

Il suono degli spari echeggia per tutta Kiev, mentre i filmati mostrano i carri armati russi che entrano senza incontrare resistenza. L'assalto alla capitale è compiuto. In due giorni Vladimir Putin sta conquistando il cuore di quel Paese che ritiene suo di diritto, un arto della Santa Madre Russia

Senza Titolo

il ritrattoANNA ZAFESOVA«Il presidente è qui, siamo tutti qui». Volodymyr Zelensky gira un video tenendo il telefonino in mano, con il premier, il capo del suo staff e i capigruppo parlamentarial a circondarlo nel buio della via Bankova, con alle spalle il pesante colonnato della sede della presiden

Senza Titolo

Per una città come Trieste, il cui sguardo è strutturalmente rivolto (anche) a Est, la guerra in Ucraina rimanda a reminiscenze ed echi tragici. A partire da quelli balcanici del conflitto che ha dissolto l'ex Jugoslavia, l'ultima volta - ora dobbiamo dire la penultima - in cui la guerra tornò a mie

Assedio

Il suono degli spari echeggia per tutta Kiev, mentre i filmati mostrano i carri armati russi che entrano senza incontrare resistenza. L'assalto alla capitale è compiuto. In due giorni Vladimir Putin sta conquistando il cuore di quel Paese che ritiene suo di diritto, un arto della Santa Madre Russia

La linea Draghi

Dopo aver definito quelli che stiamo vivendo «i giorni più bui della storia europea, un ritorno della guerra che non può essere tollerato», Mario Draghi fa una pausa. Posa i fogli del discorso sul banco davanti a sé. Schiarisce la voce e parla a braccio: «Al Consiglio europeo straordinario si è coll

La linea Draghi

Dopo aver definito quelli che stiamo vivendo «i giorni più bui della storia europea, un ritorno della guerra che non può essere tollerato», Mario Draghi fa una pausa. Posa i fogli del discorso sul banco davanti a sé. Schiarisce la voce e parla a braccio: «Al Consiglio europeo straordinario si è coll