Senza Titolo

verbali. E difatti, oggigiorno, parlano tutti insieme, gridano, si insultano, sproloquiano, si ingiuriano… Si dimostrano, insomma, incapaci di attuare un minimo di democrazia, perché questa esige che i partecipanti a un dibattito sappiano discutere. Ripeto: gli italiani dovrebbero imparare

FILOSOFIA »ANNIVERSARIO

di PIER ALDO ROVATTI La “veridizione” – come ce la propone Michel Foucault soprattutto in alcuni lavori del 1980-1981, e segnatamente nelle lezioni parigine sul governo dei viventi e nei seminari di Lovanio dedicati proprio ai modi di dire il vero – è un insieme articolato di questioni sto

LA RISCOSSA DEGLI APPETITI PERSONALI

di STEFANO TAMBURINI Brutta bestia la smania di potere, il comandare per il gusto di farlo senza pensare al bene comune. Alla Federcalcio, purtroppo, gli appetiti personali stanno passando avanti agli interessi generali, e tutto ciò avviene senza alcun limite alla decenza. Il vecchio che a

Il Tavecchio pensiero

di Valentino Beccari wINVIATO A ROMA Il requisito fondamentale per la carica di presidente lo ha espresso Renzo Ulivieri: «Il nuovo presidente deve saper fare almeno venti palleggi di fila». Non sappiamo se Carlo Tavecchio sappia palleggiare con disinvoltura, certo è che per lui l’assemble

Guidolin il favorito, Tardelli la new-entry

Carlo Tavecchio è quindi il grande favorito per la successione ad Abete e con ogni probabilità sarà lui l’11 agosto a occupare la poltrona presidenziale e a decidere il nome del nuovo commissario tecnico. Sarà un ct esperto che farà anche da tutor a un giovane allenatore da promuovere poi

gli auguri di oggi

ROBERTA Oggi compi 50 anni. Tanti auguri dalla figlia Jessica, marito, mamma, nonna e parenti tutti FLAVIO E PATRIZIA Dopo 25 anni felici come allora auguri da Luca, Gabriele, Paola, Fabrizio, Matteo e Cecilia WALTER E ARIELLA Oggi festeggiate i 30 anni di matrimonio. Un altro traguardo im

FEDERCALCIO»FINTO RINNOVAMENTO

di Valentino Beccari wINVIATO A ROMA Un uomo solo al comando, indossa camicia bianca e giacca blu e si chiama Carlo Tavecchio. È lui il vincitore del “Mezzogiorno di fuoco” della Figc e anche se non ha esattamente le sembianze di Gary Cooper, quando esce dalla sede di via Allegri soffia co