Generali, assemblea revocata sul caso Scaroni

TRIESTE Il cda di Generali ha revocato la convocazione dell'assemblea del 14 ottobre dopo le dimissioni presentate da Paolo Scaroni il 2 ottobre scorso. L'assemblea, ricorda una nota, aveva come unico punto all'ordine del giorno la decisione sull'eventuale reintegro nel Cda di Scaroni, che

Generali, assemblea revocata sul caso Scaroni

TRIESTE Il cda di Generali ha revocato la convocazione dell'assemblea del 14 ottobre dopo le dimissioni presentate da Paolo Scaroni il 2 ottobre scorso. L'assemblea, ricorda una nota, aveva come unico punto all'ordine del giorno la decisione sull'eventuale reintegro nel Cda di Scaroni, che

Eni ed Enel, in vendita un altro 5%

ROMA Il cantiere delle privatizzazioni riapre offrendo al mercato i pezzi più pregiati. Il Tesoro conferma che sul tavolo c’è la vendita in autunno di ulteriori piccole quote di Eni ed Enel, che dovrebbero far entrare nelle casse dello Stato una cifra intorno ai 5 miliardi di euro. A due g

Eni ed Enel, in vendita un altro 5%

ROMA Il cantiere delle privatizzazioni riapre offrendo al mercato i pezzi più pregiati. Il Tesoro conferma che sul tavolo c’è la vendita in autunno di ulteriori piccole quote di Eni ed Enel, che dovrebbero far entrare nelle casse dello Stato una cifra intorno ai 5 miliardi di euro. A due g

Accordo Pd-Fi-Ncd Quote rosa dal 2019

Il Senato ha approvato con 157 sì, 34 no e 23 astenuti il ddl sull’equilibrio di genere nelle elezioni europee. Il testo va ora alla Camera. Malumore dei centristi: Pi si astiene, Sc vota sì per disciplina. Passa l’intesa di Pd e Ncd con Fi e Gal, per norme sulla parità dal 2019, anche con

Scaroni pessimista sul futuro di “Southstream”

«Vedo il futuro del gasdotto “Southstream” piuttosto fosco», perché la crisi ucraina «metterà anche in discussione le autorizzazioni dell’Unione europea necessarie per portare avanti il progetto. Francamente non so se si realizzerà mai». Lo ha detto l’amministratore delegato dell’Eni Paolo

Allarme Eni per il gas della Libia

ROMA È di nuovo allarme gas dalla Libia. A otto mesi dalla crisi che a marzo scorso, in seguito a scontri a fuoco nell'impianto di Mellitah, impose la chiusura del gasdotto Greenstream che porta il metano dal Paese nordafricano a Gela, il copione potrebbe ripetersi: uomini armati della com