«Con l'addizionale avremmo 192 milioni per i bisognosi»

Enrico Ferro / padovaUna manovra emendativa dal valore complessivo di 192 milioni di euro per dimostrare che il bilancio della Regione Veneto non va bene che la causa di questo è la mancata applicazione dell'aliquota Irpef. Il Partito democratico veneto carica i cannoni e spara verso palazzo Balbi.

Senza Titolo

il casoGiuseppe SalvaggiuloIl calcio divide il mondo politico. La contesa è su un emendamento al decreto Aiuti Quater firmato in commissione bilancio del Senato dai capigruppo di Fratelli d'Italia, Forza Italia, Partito democratico, Movimento Cinquestelle, Unione di Centro. Una maggioranza trasversa

Senza Titolo

la novitàLaura BerlinghieriIl terzo polo di Carlo Calenda (e Matteo Renzi) vola a Padova, supera la Lega nel suo fortino trevigiano e doppia (e più) Luigi Brugnaro nella sua Venezia. E in Veneto elegge Valentina Grippo e Daniela Sbrollini. «In Italia c'è spazio per un terzo polo riformista e liberal

Elezioni, Letta: "Destra ha vinto ma non permetteremo che Italia esca dal cuore dell'Europa"

video "Faremo opposizione dura e intransigente". Così il segretario del Partito Democratico Enrico Letta ha commentato il risultato delle elezioni politiche. "Gli italiani e le italiane hanno scelto, una scelta chiara e netta, la destra, il governo avrà un governo di destra", ha detto Letta. "Se siamo arrivati al governo Meloni è per via del fatto che Giuseppe Conte ha fatto cadere il governo Draghi", ha aggiunto.di Francesco GiovannettiSEGUI LA DIRETTA

Metropolis/177 - Elezioni, Letta: "Da lunedì più facile parlare con M5s e Calenda piuttosto che con Lega e FdI"

video Enrico Letta, segretario del Partito Democratico, chiude la campagna elettorale a Metropolis e analizza lo scenario dopo il voto: "La destra si è messa tutta insieme ed è evidente che qualsiasi cosa accadrà dopo, è più facile per noi riparlare con Conte e Calenda piuttosto che parlare con Meloni e Salvini. Non c'è dubbio su questo". Metropolis è in streaming alle 18 dal lunedì al venerdì sulle piattaforme Gedi e on demand in video e in podcast sul sito di RepubblicaSegui la diretta politica.

A Monza Letta sfida la Lega con 500 sindaci: "Pontida oggi è diventata provincia dell'Ungheria"

video A 35 km dalla festa di Pontida, il Partito Democratico ha radunato, insieme al suo segretario Enrico Letta, i sindaci del partito come da contrapporre la sua piazza a quella storica leghista. Da Beppe Sala a Dario Nardella, tantissimi i sindaci hanno risposto all’appello sono arrivati sul palco di piazza Roma a lanciare un messaggio opposto rispetto a quello di Pontida. “Pontida oggi è diventata provincia dell'Ungheria, non vogliamo un'Italia provincia dell'Ungheria". Ha detto Enrico Letta a margine della manifestazione. "Non vogliamo che l'Italia segua il messaggio di Pontida, il modello dell'Ungheria: non vogliamo - ha aggiunto - che vada verso una democrazia che si sta perdendo, non vogliamo quel modello, non vogliamo un'Italia che cede a Putin e Orban. Vogliamo una Italia che sia cuore dell'Europa e che sia fedele alle sue alleanze".Di Daniele Alberti SEGUI GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Senza Titolo

DOLODopo due anni di stop a causa della pandemia, ritorna la Festa de l'Unità in un formato tutto nuovo e in una nuova location. Sarà il segretario nazionale del Partito Democratico Enrico Letta ad aprire l'evento venerdì alle 21 in piazzetta Aldo Moro. Si continuerà sabato alle 10 con l'assemblea d

Senza Titolo

San DonĂ Incontro e aperitivo con i candidati del PdAperitivo con i candidati del Partito Democratico Andrea Martella, al Senato, e Piero Fassino, alla Camera. Appuntamento per sabato alle 11 al ristorante Carboni Ardenti in piazza Indipendenza, prima del confronto nella sede del partito in via Jeso

Senza Titolo

la polemicaLuca Monticelli / romaL'Italia ha sempre più sete di energia. Con il costo del gas alle stelle, lo spettro del razionamento alle porte e il piano sulle rinnovabili che non decolla, il dibattito politico elettorale rilancia un tema che da 35 anni viene sottoposto ciclicamente agli italiani

Gestione del verde il Pd va contro Munari

CAVARZEReIl Partito Democratico critica il sindaco Munari sulla gestione del verde pubblico. «Al sindaco che accusa i cittadini di essere buontemponi da tastiera sui social», scrive la segretaria Heidi Crocco in un documento che vede la firma di tutti i consiglieri dem, «ricordo che fino all'anno sc

Senza Titolo

il retroscenaNiccolò Carratelli / ROMASe gli italiani resteranno al freddo senza gas, prendetevela con Letta e la sinistra. Silvio Berlusconi prova a scaricare sugli avversari la colpa di aver legato l'Italia mani e piedi al tubo che arriva dalla Russia. Il leader di Forza Italia, di fronte all'emer