Covid. Walter Ricciardi: "Non tornerà tutto come prima: ci aspetta una lotta costante contro il virus"

video "Ci sarà un declinare dei casi a febbraio, poi una curva piatta in primavera ed estate. Quello che succederà dopo dipenderà dai nostri comportamenti: se non ci cauteliamo con vaccini, mascherine, distanziamento ci ritroveremo con una nuova ondata epidemica in autunno", dice Walter Ricciardi, esperto di sanità pubblica, consigliere del ministro della Salute per l’emergenza Covid-19 e ordinario di Igiene Pubblica alla Cattolica di Roma. "Non possiamo escludere nuove varianti e nuovi virus. Dobbiamo attrezzarci e prepararci, anche mentalmente: non dobbiamo pensare che sia stato un incidente di percorso e che tutto tornerà come prima perché non tornerà tutto come prima, quasi come prima se ci riusciamo ad organizzare bene. Ci aspetta una lotta costante", aggiunge Walter Ricciardi, che in "Pandemonio" (Edizioni Laterza) ripercorre la storia degli ultimi due anni. L'intervista di Cinzia Lucchelli

Ricciardi a Radio Capital: " Irrigidire regole di rilascio del Green pass. Il tampone è inadeguato"

video "Va irrigidita la modalità di rilascio del green pass. Il tampone, soprattutto l'antigenico, è il vero tallone d'Achille in questo momento perché nel migliore dei casi non certifica la positività di almeno il 30% dei soggetti. E' inadeguato in questa fase epidemica". Così il consulente del Ministero della Salute, Walter Ricciardi, ospite a The Breakfast Club su Radio Capital. Su nuove misure restrittive per i non vaccinati Ricciardi è cauto: "Non ne abbiamo bisogno, in Austria l'incidenza è 10 volte superiore a quella italiana"

Senza Titolo

Paolo Russo / RomaLa Delta c'è ma ancora non si vede. La flash survey a cura dell'Iss dice che la mutazione B.1.617.2 in Italia è passata dall'1% rilevato il 18 maggio scorso al 22,7% del virus circolante. E si tratta di una fotografia già vecchia di 10 giorni, che rimarca grandi differenze da un'ar

Senza Titolo

Paolo Russo / romaMentre gli organismi scientifici nazionali e internazionali chiedono all'unisono misure più restrittive, i partiti, del centro destra ma non solo, se la prendono con gli "scienziati" Cassandra e il Cts, mostrandosi poco propensi ad assecondare nuove chiusure. Che almeno in forma di

Ricciardi a Radio Capital: "Inevitabile un nuovo lockdown con questo numero di casi. Sbagliato aprire gli impianti sciistici"

video "Qui ci sono tre priorità: un lockdown immediato, un tracciamento molto più efficace di quello attuale e una vaccinazione di massa, con almeno 300mila persone al giorno". Intervistato da Radio Capital, Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Speranza, non ha dubbi: "Soltanto l’Italia in Europa rifiuta il lockdown e non capisco perché. Dobbiamo chiudere subito le attività non essenziali". Quindi, secondo Ricciardi, è sbagliato far partire la stagione sciistica: "Gli impianti di risalita in Svizzera - spiega - sono stati uno dei veicoli di ingresso della variante inglese del Covid 19 in Europa. Parlare di riapertura delle piste da sci mi sembra davvero fuori luogo".

Sostenibilità, il modello di Poste Italiane. Incontro aperto con gli stakeholder

video Le imprese che vogliono crescere devono ascoltare sempre di più i loro clienti. Dal Covid alla sicurezza informatica, dalla salute al clima, Poste Italiane incontra gli stakeholder per un dialogo con gli attori del cambiamento sui punti cardinali dell'economia circolare. L'incontro in streaming su Repubblica e Green&Blue con l'amministratore delegato di Poste Italiane Matteo Del Fante; il condirettore generale Giuseppe Lasco; il vicepresidente della Bei Dario Scannapieco; il consigliere del ministero della salute Walter Ricciardi; il vicepresidente esecutivo di Mastercard Monica Biagiotti; il responsabile del multi asset investment di Amundi Francesco Sandrini; il professor Umberto Moscato del Policlinico Gemelli di Roma e Sara Gama, capitano della nazionale femminile italiana di calcio. In studio il direttore di Repubblica Maurizio Molinari e Fabio Bogo, direttore di Green&Blue.

Senza Titolo

L'intervistaFrancesco Rigatelli / Milano«In questa fase è inutile perdere tempo con le zone multicolore. Serve un lockdown nazionale, severo e immediato di tre-quattro settimane per facilitare la vaccinazione e proteggerla dalla variante inglese, che altrimenti prenderebbe il sopravvento anche in It