Sardegna, Frida Bollani e la mamma Petra cantano Bach in una grotta e imitano Alberto Angela

video Frida Bollani, figlia del pianista Stefano Bollani e della cantante Petra Magoni, si è divertita assieme alla madre ad eseguire a cappella l’Aria dalla suite n° 3 in re maggiore di Johann Sebastian Bach - storica sigla del programma di Piero Angela “Quark” - all’interno della grotta di Su Marmuri – nel comune di Ulassai -, in Sardegna. Una perfetta esecuzione intermezzata da una scherzosa imitazione di Alberto Angela. Il video è stato postato da Petra Magoni sul suo profilo InstagramVideo Instagram / petramagoni

Frida Bollani canta "La Cura"

Frida Bollani, figlia di Stefano Bollani e Petra Magoni, al pianoforte al Quirinale per i 75 anni della Festa della Repubblica ha suonato anche le note di "La Cura" di Franco Battiato: «Perché sei un essere speciale, ed io avrò cura di te». La giovane artista è ipovedente ma questo non l'ha mai ferm

Musica come cura, "il cervello balla": dialogo tra Stefano Bollani, Valentina Cenni e Fabio Lucidi

video "Il cervello balla: funziona per ritmi, ne ha suoi di base, che si sincronizzano a quelli della musica che si sta ascoltando. Quei ritmi hanno collegamenti forti con delle emozioni. Anche con quelle che si sono sperimentate, incamarate e associate a quel ritmo", dice Fabio Lucici, preside della Facoltà di Medicina e Psicologia dell'Università La Sapienza di Roma dialogando con Stefano Bollani e Valentina Cenni in una diretta Instagram per l'account Salute (qui l'integrale). Stefano Bollani e Valentina Cenni parlano di musica ogni sera, da lunedì al venerdì dalle 20.20 alle 20.45, su Rai3 invitandoci ad entrare nella loro casa immaginaria, in "Via dei matti numero 0".

Doppio concerto per Bollani

Anteprima fuori abbonamento, venerdĂŹ 16 ottobre, allo Zancanaro di Sacile, dell'edizione 2020 del Volo del jazz di Circolo Controtempo: in doppia replica (alle 19 e alle 21.30), concerto di Stefano Bollani che si esibisce in "Piano variations on Jesus Christ Superstar".

Bollani, piano solo all'Arena

Stefano Bollani sarĂ  in concerto all'Arena di Verona mercoledĂŹ 16 settembre (ore 21.30) con "Piano Solo - Eros e Bellezza", evento speciale del progetto Arena AgorĂ  del Festival della Bellezza, la manifestazione ispirata a Dante, Mozart e Shakespeare. (ph. Valentina Cenni)

Michieletto porta il musical al "Calabrone"

C'è il mondo del musical al centro della puntata del "Volo del Calabrone" di Damiano Michieletto, che Rai Cultura propone in prima visione TV su Rai5 (canale 23) oggi alle 19. Michieletto si sofferma su uno dei massimi capolavori del genere: West Side Story di Leonard Bernstein. Ospiti di oggi: il

Rai: Stefano Bollani e una "Domenica con" piena di "geniacci". E in prima serata su Rai Storia propone "La pazza gioia"

video “Spiriti liberi, pezzi unici, artisti che hanno inventato uno stile, che si sono mossi fuori dai binari”: così Stefano Bollani racconta i “geniacci”, con i quali passare la “Domenica Con” da lui disegnata su Rai Storia, domenica 31 maggio dalle 9.00 a mezzanotte. Lo spazio curato da Enrico Salvatori e Giovanni Paolo Fontana, diventerà così, dice Bollani “un viaggio che si animerà con personaggi leggendari della musica, da Nino Rota a Chico Buarque passando per Enrico Rava, Ornella Vanoni, Francis Poulenc, Lelio Luttazzi e molti altri. E lungo il cammino ci imbatteremo anche in geni dell’arte e della letteratura come Gianni Rodari, Aldo Palazzeschi, Federico Fellini, Paolo Poli. Battitori liberi che hanno rivoluzionato il pensare e il vedere, aprendo nuove strade”.Nel “cuore” del suo palinsesto due appuntamenti speciali: in prima serata il film del 2016 di Paolo Virzì, "La pazza gioia", con Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti, protagoniste di un'inaspettata amicizia nata all'interno di una comunità per persone affette da disagi mentali.Alle 16.45, invece, un immancabile omaggio al jazz e ai jazzisti italiani che lo hanno ispirato, in rare apparizioni Rai: Enrico Rava, Lino Patruno, Lelio Luttazzi, Franco Cerri, Giampiero Boneschi e Edgardo Moroni.Ad aprire la sua programmazione, in mattinata, è “"C'è musica e musica”, di Luciano Berio, ma anche uno spazio pensato per i più piccoli, tra Babar e Gianni Rodari, seguito da un “Incontro con Aldo Palazzeschi”, del 1969, e da “Il Conte di Montecristo”, la parodia del Quartetto Cetra in "Biblioteca di Studio Uno", anno 1964.La sfilata di “Geniacci” prosegue poi con un irriverente e provocatorio Paolo Poli e “Quella donna sono io!” alle 12.20 e con Antonio Rezza e Flavia Mastrella che in “La tegola e il caso” portano la propria creatività scenica. Nelle case di persone ignare, colte nella propria quotidianità.Alle 14.10 si torna al cinema per il film di Valérie Donzelli “La guerra è dichiarata”: la storia di ore due genitori, un bambino e una tragedia, affrontata però con determinazione e con il sorriso sulle labbra. A seguire l’omaggio a Nino Rota e a Federico Fellini, attraverso alcuni programmi Rai, e quello ai “maestri” jazz di Bollani.Dalle 19.25, invece, largo alla musica brasiliana con personaggi come Chico Buarque De Hollanda, Vinicius De Moraes, Milton Nascimiento, Elis Regina.La “Domenica Con” di Stefano Bollani si chiude – dopo il film di prima serata – ancora in musica: alle 23.05 “Per una sera d’estate" del 1976, condotto da Claudio Lippi dall'Auditorium Rai di Napoli. Protagonisti Ornella Vanoni, Toquinho e Renato Carosone, che era tornato a esibirsi l'anno prima, dopo un lungo periodo di assenza dalle scene.ufficio stampa Rai

Bosso e Tempera per i 100 anni di Fellini

Il pianista e compositore Stefano Bollani è da ieri cittadino onorario di Napoli. Un amore quello tra Bollani e Napoli nato diversi anni fa. «Mi sono innamorato di Napoli presto, a 11 anni quando, mentre abitavo in Piemonte, ho incontrato la musica di Renato Carosone che è stato il mio primo e unico

Capodanno con Bolle e la sfida di Benigni

Roma. Per il terzo anno il protagonista della serata di Capodanno su Rai1 sarà Roberto Bolle (in foto) con "Danza con Me", lo show dedicato alla danza in tutte le sue forme. Lo spettacolo alternerà momenti dedicati all'eccellenza artistica a parentesi di ironia e leggerezza. «Una grande sfida che ac