La Fenice, passione Mozart: torna il Don Giovanni delle meraviglie

video Da martedì 18 giugno torna alla Fenice Don Giovanni, nell'apprezzato allestimento vincitore nel 2011 di un Premio Abbiati (per le scene e i costumi) e di cinque Opera Award assegnati a Damiano Michieletto per la regia, Paolo Fantin per le scene, Carla Teti per i costumi, e all’intero allestimento come miglior spettacolo della stagione 2010. Il teatro veneziano invita a soli 2 euro i ragazzi dai 18 ai 25 anni, aprendo proprio per loro la prova generale di domenica 16 giugno. La produzione sarà proposta con la direzione musicale di Jonathan Webb e di un doppio cast che comprende, tra gli altri, i baritoni Alessio Arduini e Simon Schnorr nel ruolo di Don Giovanni, i soprani Francesca Dotto e Gioia Crepaldi in quello di Donna Anna, i tenori Juan Francisco Gatell e Anicio Zorzi Giustiniani in quello di Don Ottavio,

Turandot, il rito fiabesco torna alla Fenice

video Dopo la riscoperta di Dorilla in Tempe di Antonio Vivaldi andata in scena al Teatro Malibran, La Fenice punta dritto a un tandem Turandot e Aida. Puccini e Verdi si alterneranno, infatti, sul palcoscenico in una serrata agenda produttiva. Si comincia con Turandot in prima venerdì 10 maggio di cui vediamo le prime prove di ‘costruzione’ con la regista Cecilia Ligorio e il direttore Daniele Callegari, impegnato con le voci degli interpreti, con l’orchestra e il coro del Teatro La Fenice, preparato quest’ultimo da Claudio Marino Moretti e il Coro di voci bianche, addestrato dal maestro Alessandro Toffolo.Ad immaginare le scene Alessia Colosso, i costumi Simone Valsecchi e le luci Fabio Barettin.Doppio il cast: Turandot, Oksana Dyka e Teresa Romano; Calaf Andrea Carè e Valter Fraccaro; Liù Carmela Remigio e Francesca Dotto; Altoum, Marcello Nardis; Timur, Simon Lim; Ping, Alessio Arduini; Pong, Paolo Antognetti; Pang, Valentino Buzza; Un mandarino, Armando Gabba.

Senza Titolo

Otto recite di “Don Giovanni” di Wolfgang Amadeus Mozart alla Fenice. Domani alle 19 andrà in scena la ripresa del fortunato allestimento del dramma giocoso in due atti di Mozart sul libretto di Lorenzo Da Ponte, che vinse nel 2011 un Premio Abbiati (a Paolo Fantin e Carla Teti per le scen

Senza Titolo

Una struttura scenica unica, ma “vestita” in tre maniere diverse, per permettere ai tecnici della Fenice di rinnovare quotidianamente l’apparato scenico. È il “trucco” che permetterà al teatro la Fenice di mandare in scena, a giorni alterni tre opere-capolavoro di Wolfgang Amadeus Mozart,