Viola, il Blu e la libertà il libro di Matteo Bussola arriva sul palcoscenico

VERONAMatteo Bussola arriva a teatro. Dal libro "Viola e il Blu" (Salani), lo scrittore si cimenta nella sua prima trasposizione drammaturgica, scritta a quattro mani con la sceneggiatrice e scrittrice Paola Barbato. Prodotto da Fondazione Aida, lo spettacolo "Viola e il blu" andrà in scena in prima nazionale oggi alle 19, con replica alle 21 e in doppia replica anche domani alle 19 e alle 21 al Teatro Modus di Verona ) per la regia di Lucia Messina e interpretato da Stefano Colli ed Elisa Lombardi. «È la prima volta che scrivo un libro per ragazzi e anche la prima volta che affronto una trasposizione drammaturgica» spiega Matteo Bussola, veronese. «Ho accettato questa sfida perché al mio fianco c'era Paola Barbato, sceneggiatrice di esperienza con cui ho già lavorato a riduzioni drammaturgiche cinematografiche. Il linguaggio teatrale, però, è diverso, perché bisogna tener conto di una serie di elementi fisici che andranno in scena e dell'assenza del narratore. Nel cinema non si lavora a camera fissa come in teatro, quindi per me è stata un'esperienza istruttiva». Protagonista della storia è Viola, una bambina che gioca a calcio, sfreccia in monopattino e ama vestirsi di Blu. Viola i colori li scrive tutti con la maiuscola, perché per lei sono proprio come le persone: ciascuno è unico. Ma non tutti sono d'accordo con lei, specialmente gli adulti. Tanti pensano che esistano cose "da maschi" e cose "da femmine", ma Viola questo fatto non l'ha mai capito bene. Cosi un giorno decide di chiedere al suo papà, che di lavoro fa il pittore e di colori se ne intende. «Nascere in un corpo maschile o femminile non implica che sia tracciato un solco da cui non si può uscire e che sia già indicata la strada di interessi, hobby e passioni» precisa Paola Barbato. Basta guardare il percorso di Giorgio Misini», primo campione d'Europa con l'oro conquistato nel solo tecnico maschile del nuoto sincronizzato. «Sarebbe il momento di superare le ghettizzazioni di genere e guardare oltre».Dopo l'adattamento cinematografico di "Notti in bianco, baci a colazione", la coppia d'arte Bussola-Barbato si è cimentata nel teatro per poi passare all'adattamento a quattro mani del quarto libro di Bussola "L'invenzione di noi due" che avrà come set privilegiato proprio la loro città: Verona. --© RIPRODUZIONE RISERVATA