Nuovo Museo intesa con Arca per la gestione

JESOLONuovo museo di Jesolo, due piani gestiti dall'associazione Arca per la sezione di storia naturale. Via libera, in Consiglio, all'atto di transazione tra il Comune e l'associazione Arca 113 Ecologico per la gestione di una parte del "JMuseo". L'accordo prevede che il patrimonio faunistico, ospitato fino al 2016 negli spazi dell'ex scuola Carducci, sia trasferito al primo e secondo piano dei quattro complessivi dietro piazza Brescia. L'associazione avrà poi a disposizione la foresteria, dove ospitare eventuali collaboratori, mentre il terzo piano rimane a disposizione per iniziative con il Comune. La delibera prevede una proroga della convenzione in essere tra il Comune e Arca fino al 31 dicembre 2024.L'atto di transazione proposto dall'amministrazione intende avviare il prima possibile un percorso di valorizzazione del museo con mostre temporanee, ma anche le collezioni di storia naturale. «È un atto propedeutico a ridare una casa, finalmente, al museo civico di storia naturale, che è poi la ragione per la quale la città ha realizzato l'operazione di permuta», ha evidenziato il sindaco Christofer De Zotti, «l'associazione avrà due piani per esporre la propria collezione, nulla di più, dato che il terzo piano potrà essere utilizzato solo dopo una valutazione e il successivo avallo dell'amministrazione. Questa possibilità è stata contemplata in quanto, nonostante la speranza sia quella di riuscire a riempire sempre il JMuseo con mostre ed eventi, sappiamo che nella programmazione potrebbero esserci periodi di vuoto».L'ex sindaco Valerio Zoggia ha già detto che i piani per il museo di storia naturale arriveranno a tre, ridimensionando il prestigio della struttura. Daniele Bison, della lista Martin, è uscito in polemica dall'aula denunciando che gli introiti del museo andranno per il 70 per cento ad Arca e il 30 a Jesolo Patrimonio, partecipata che gestisce il museo. E ha ricordato anche i costi eccessivi della struttura per il Comune. Si parla di 16 mila euro in un mese per le corrente. G. Ca. © RIPRODUZIONE RISERVATA