Sei stelle veneziane tra i cadetti regionali Record di iscritti: 793

MESTRESei titoli regionali e un buon bottino di piazzamenti. Ottime notizie per l'atletica provinciale dai Campionati regionali individuali cadetti, che si sono disputati nel weekend al campo San Giuliano a Mestre. A portare nel Veneziano i titoli veneti sono stati Giacomo Roncato (Audace Noale, per lui due trionfi), Alvise De Lazzari (Atl. San Donà Eraclea), Alessio Reato e Spartaco Cattapan (entrambi de La Fenice Mestre), nonché Denise Marinello (Atl. Jesolo Turismo). A Mestre, ultima tappa nella marcia di avvicinamento ai campionati italiani di categoria, si sono sfidati ben 793 atleti. Tra i portacolori della provincia, spicca la prestazione di Giacomo Roncato. Il cadetto dell'Audace Noale si è imposto nella giornata inaugurale di sabato, conquistando il titolo veneto negli 80m con il tempo di 9"17. Ieri ha concesso il bis, migliorandosi nei 300m, dov'è volato in 35"65, vincendo la seconda maglia regionale. Splendida sfida, tutta veneziana, nei 2000m femminili. In un testa a testa avvincente, si è imposta Denise Marinello. L'atleta della Jesolo Turismo ha tagliato il traguardo in 6'36"27, davanti a Margherita Vedovato. Per la portacolori dell'Albore Martellago argento in 6'38"93. Nella stessa gara da segnalare il quarto posto di Beatrice Vedovato, gemella di Margherita, che ha corso in 6'50"02. Nei 300hs il nuovo campione regionale è Alvise De Lazzari (Atl. San Donà Eraclea), con il tempo di 42"15. Porta a casa due titoli regionali anche La Fenice Mestre. Nei 1200 siepi il nuovo campione veneto è Alessio Reato (3'30"85). Mentre nel martello festeggia Spartaco Cattapan, che ha lanciato alla misura di 45.14. Uno sguardo alle altre medaglie veneziane. Nel salto in lungo è bronzo per Joni Bushpepa (Coin Venezia, 5.67). Nei 1000m due veneziani sul podio, con Sebastiano Di Tos (Jesolo Turismo, 2'39"70) medaglia d'argento e Raffaele Faronato (Coin Venezia, 2'40"51) che ha centrato il bronzo. Dalla pedana del peso, arriva l'argento di Flavio Faraon (Albore Martellago, 12.47). Mentre il salto triplo ha visto il terzo posto di Nicola Moretto (La Fenice Mestre), atterrato alla misura di 11.96. Nei 300m c'è da registrare pure il bronzo di Alessio Pollazon (Biotekna, 6'10"79). Mentre nei 3000m di marcia si è classificata seconda Ilaria Serena (Riviera del Brenta, 17'04"86). Infine, nel giavellotto, ancora un argento per il team rivierasco, con Emma Brugnolo che ha lanciato a 34.66. A Mestre si è assisto a un meeting di alto livello tecnico, che fa ben sperare per i colori veneti in vista della finale nazionale in programma a inizio ottobre a Caorle. Da registrare la migliore miglior prestazione italiana dell'anno per Anita Nalesso (Trevisatletica), arrivata a 13.23 nel peso (4 centimetri di progresso sul personale), specialità in cui a Caorle si presenterà da campionessa italiana uscente. Clamoroso anche il progresso del vincitore del salto con l'asta: Michele Bezze (Assindustria Sport) è salito a 3.75, migliorando il personale di 53 centimetri in un colpo solo. Lucia Mazzer (Silca Conegliano) e Nurah Mandy Fadika (Assindustria Sport) hanno saltato 1.64 in alto: vittoria alla trevigiana dopo lo spareggio. Due titoli, spaziando tra mezzofiondo e velocità, per Arianna Dei Negri (Silca Ultralite Vittorio Veneto): 3'01"20 nei 1000m e 41"23 nei 300m. Infine, nell'alto la pedana di Mestre ha regalato un nuovo progresso ad Alberto Basso (Trevisatletica), che ha aggiunto un altro centimetro al record personale, saltando in 1.86. --G.MO.