Aumenti di luce e gas Il Comune dà fondo agli avanzi di bilancio

JESOLOAumenti di luce e gas, il Comune di Jesolo cerca le risorse tra le pieghe del bilancio, anche sfruttando nuove fonti di approvvigionamento ed energie alternative. Uno dei possibili interventi sul territorio potrà essere, ad esempio, il fotovoltaico da installare sugli edifici pubblici. E poi la riduzione drastica dei consumi di energia senza compromettere servizi fondamentali al cittadino. Sarà stilato in queste settimane un piano molto dettagliato degli interventi per far fronte ai costi che l'amministrazione comunale dovrà sostenere. Davanti a un autunno e inverno ancora pieni di incognite l'obiettivo è riuscire a sostenere le spese che ci saranno in futuro, già a partire dai prossimi mesi. Solo per l'illuminazione si stima un aumento dai 700 mila ai circa 2 milioni di euro. Una spesa enorme per l'amministrazione comunale che sta considerando uno spostamento di risorse di circa 1 milione e 800 mila euro. Ci sono poi i problemi legati alle famiglie in difficoltà, che graveranno sui servizi sociali. Anche a Jesolo ci sono sfratti e famiglie che non arrivano a fine mese nonostante una tassa di soggiorno da 4 milioni di euro. Ma questa imposta è sottoposta a rigidi vincoli che sono quasi esclusivamente per la promozione turistica. «Il Presidente dell'Anci Decaro lancia un grido d'allarme», ha ricordato il sindaco Christofer De Zotti in una delle sue riflessioni, «il peso degli aumenti di luce e gas riguardano oltre che famiglie e imprese, anche i bilanci dei Comuni». «Mediamente la bolletta dei Comuni è triplicata dal 2021 al 2022», aggiunge, «Jesolo ha le risorse a bilancio per far fronte a questi aumenti, ma ciò significa che quest'anno dovremo destinare centinaia di migliaia di euro di avanzo di amministrazione a queste spese impreviste anziché a investimenti sul territorio. Una follia». La soluzione è allo studio con i dirigenti degli uffici in costante contatto con sindaco e giunta. «Stiamo ovviamente monitorando la spesa», conclude il primo cittadino di Jesolo, «e abbiamo già iniziato con l'estate a mettere in atto riduzioni dei consumi. In questi giorni stiamo anche ragionando su come razionalizzare l'uso di luce e gas nei futuri mesi invernali, avendo in mente ovviamente che ci sono servizi fondamentali che non possono e non devono essere toccati. Contemporaneamente partiranno nei prossimi mesi alcuni investimenti sull'illuminazione pubblica per il completamento del re-lamping con Led e soluzioni che varieranno l'intensità della luce alla effettiva presenza di veicoli e persone. Stiamo anche studiando ulteriori soluzioni che permettano di sfruttare l'energia fotovoltaica su edifici pubblici». --Giovanni Cagnassi© RIPRODUZIONE RISERVATA