Senza Titolo

MIRANODa Festa dell'agricoltura a Fiera dell'agricoltura, da una decina di giorni di programma a tre, almeno per questo primo anno d'iniziativa dopo il biennio della pandemia. L'area degli impianti sportivi di Mirano si appresta ad accogliere da oggi a domenica l'appuntamento legato al settore che negli anni passati era organizzato dalla Coldiretti. Stavolta, ed è una delle novità della ripartenza post Covid, non solo c'è questa associazione di categoria ma si aggiungono anche Cia (Confederazione italiana agricoltori) e Confagricoltura. Il momento è molto delicato. Alla pandemia si sono aggiunti la guerra e la siccità estiva che hanno provocato prezzi alle stelle e scarsa produzione. Per i seminativi si calcolano danni al 50%, la soia al 30% e gli ortaggi addirittura al 60%. Si salva il frumento, ma è indubbio che la carenza d'acqua abbia provocato l'ennesimo scossone. Da Mirano si vogliono lanciare un messaggio, una speranza, un riscatto. «Un modo per dare più visibilità alla filiera agricola locale», spiega il sindaco Tiziano Baggio, cui fa eco la sua vice Giovanna Boldrin, «per porre l'attenzione sulle difficoltà del settore». Si partirà oggi alle 18. Come ha spiegato Paolo Favaretto dell'Associazione Volare 4.0-Aps e consigliere comunale, ci sarà una ventina di casette con i prodotti agricoli e 25 espositori di trattori, oltre ad animali da cortile recintati, così da poter essere ammirati da famiglie e soprattutto bambini, oltre ai cavalli. Alle 18 l'apertura con la mostra del Vespa Club Mirano e Auto d'epoca e il raduno dei trattori Fiatagri 180-90. Dopo il taglio del nastro, un momento dedicato ai bambini che impareranno a fare il pane, mentre la serata si chiuduerà con la gara del solco dritto. Domani dalle 15, spazio ai giri con i pony per i più piccoli. La serata inizierà con la dimostrazione di trebbiatura e aratura. Domenica tornerà la sfilata dei trattori per le vie del centro di Mirano: dalle 9. 30, centinaia di mezzi partiranno e torneranno agli impianti sportivi dopo essere transitati per via Cavin di Sala, piazza Martiri, via XX Settembre e la zona del Belvedere. La giornata proseguirà con altre dimostrazioni tra cui quella dell'aratura in via Viasana (vicino all'area della fiera) a partire dalle 15. Questa prima edizione si chiuderà con in finale a sorpresa, stando agli organizzatori. Ogni sera funzionerà lo stand gastronomico e alle 19 ci sarà l'aperitivo del contadino con i deejay di Radio Company. --Alessandro Ragazzo