Senza Titolo

Dal gas ai barattoli, dal gasolio alle etichette, è in arrivo uno tsunami sui prezzi del cibo in Italia con un autunno caldissimo sul fronte economico con la produzione agricola e quella alimentare che in Italia assorbono oltre il 11% dei consumi energetici industriali totali. E' l'allarme lanciato da Coldiretti in riferimento agli spaventosi rincari delle bollette che colpiscono imprese e famiglie.Nel sistema agricolo i consumi diretti di energia includono i combustibili per trattori, serre e i trasporti mentre i consumi indiretti ci sono quelli che derivano da fitosanitari, fertilizzanti e impiego di materiali come la plastica. In agricoltura si registrano rincari dei costi che - sottolinea Coldiretti - vanno dal +170% dei concimi al +90% dei mangimi al +129% per il gasolio fino al +300% delle bollette per pompare l'acqua per l'irrigazione dei raccolti.Nelle campagne, più di una azienda agricola su 10 (13%) è in una situazione così critica da portare alla cessazione dell'attività ma ben oltre 1/3 del totale nazionale (34%) si trova comunque costretta a lavorare in perdita. La situazione ha il volto di centinaia di agricoltori che ogni giorno sono impegnati nella gestione delle loro aziende. Davide Montino, dell'Azienda agricola orticola a Zianigo di Mirano che porta il suo nome. La bolletta del solo piccolo negozio è triplicata: dai 128,21 euro a 618,61 euro, tre volte tanto.Per l'azienda Venice Green di Tessera il caro bolletta è clamoroso: solo la serra è passata dai 569 euro del 2020 agli oltre mille euro nel 2021 ed ora il conto ha raggiunto i 3761 euro nel luglio di quest'anno. Per Lorenzo Pajola, il giovanissimo titolare con il padre Sergio, davvero difficile. L'annesso agriturismo dai 377,91 del 2021 è passato ai 1761,16 del 2022. Stesso disagio per la Società agricola zootecnica di Fabiano Polato a Campagna Lupia, allevamento di suini con 4500 capi e colture cerealicole per 115 ettari. Le spese sono raddoppiate. Orietta, dell'azienda agricola orticola Patrizio Garbin di Sant'Anna di Chioggia specializzata nella produzione di radicchio e carote, mostra i costi dell'energia elettrica necessari per celle frigo e lavorazione: da 8.478,00 euro del 2021 la bolletta dell'energia è passata a 27.086,57 euro. Stessi rincari per Lucia Dissegna della Società agricola Ags di Annone e per produttori di latte come Andrea Frasson di Mirano: la sua bolletta di giugno 2021 da 1553 euro è passata a 3820 euro. --© RIPRODUZIONE RISERVATA