Livenza, arretra adesso il livello del cuneo salino

caorleArretra il cuneo salino sul fiume Livenza, e diminuisce la consistenza del sale sul canale Brian. Da prima di Ferragosto l'emergenza idrica per Caorle, Eraclea Mare e Torre di Mosto poteva essere considerata conclusa. Eppure la situazione resta critica per la scarsità di piogge. Aver liberato acqua dai bacini montani, su ordine della Regione, unitamente alle piogge di pochi giorni fa, si è rivelato un toccasana. Un po' di dati li illustra il direttore del Consorzio, Sergio Grego. «L'unità di misura di presenza del sale è il microsiemens. Attualmente nella zona di Boccafossa, nel veneziano, ci sono meno di 500 microsiemens. Con un tale livello di salinità l'acqua si può depurare sul Livenza, oltre quota 500 ci sono pericoli. Ma prima di Ferragosto, durante la fase acuta di questa brutta emergenza idrica, eravamo arrivati - ricorda Grego - alla quota di 3000 microsiemens. Si calcola che sul mare esistono livelli di salinità di 50mila microsiemens». Con il rilascio delle acque da monte è aumentata anche la portata d'acqua che il Consorzio attinge da Albano dal Livenza per il Brian. «Nella fase emergenziale più acuta - conclude Grego - pompavamo 9 metri cubi al secondo, ora pompiamo 15 metri cubi al secondo. Abbiamo a disposizione una concessione di 23 metri cubi al secondo». Si attendono comunque nuove piogge. --Rosario Padovano© RIPRODUZIONE RISERVATA