Abbracci, lacrime e malori L'addio ad Andrea Visentin «Si è riunito con il fratello»

L'abbraccio Musile e tutto il basso Piave abbracciano la famiglia di Andrea Visentin, morto a 42 anni a causa di una pancreatite che se lo è portato via in pochi giorni. Ieri mattina, nella chiesa parrocchiale di Croce di Musile di Piave, l'ultimo commosso saluto al 42enne morto a distanza di 8 mesi dal fratello Ivan, scomparso per un tumore al pancreas a 34 anni. Lo scorso gennaio erano stati celebrati i funerali del più giovane, Ivan, e ieri ancora le comunità si sono date appuntamento per le esequie di suo fratello. Attoniti amici e parenti. L'omelia è stata recitata dal parroco don Roberto Bogolenta. Una cerimonia semplice, scandita dalla sacre scritture, le lacrime e i pianti di chi non ha retto per la forte emozione e il dolore profondo. Un momento di grande intensità che ha raccolto le comunità nuovamente nella piccola chiesa della frazione, gremita anche all'esterno tanta è stata la partecipazione. L'affezionata zia Marilena, che aveva cresciuto i due fratelli dopo la morte in giovane età dei genitori, si è sentita male durante la cerimonia, soccorsa subito e condotta all'esterno della chiesa per aiutarla a riprendersi con l'intervento di alcuni medici.Anche la sindaca di Musile, Silvia Susanna, ha presenziato alle esequie a nome dell'amministrazione comunale che si è stretta subito al dolore di questa famiglia colpita da così tanti lutti. Andrea Visentin lascia la moglie Chiara e la figlia Asia di 2 anni, oltre alla zia Mery e a tutti i parenti affranti per il dolore immenso di questa perdita. I due fratelli Visentin erano i titolari del distributore Total Fina di San Donà in via Calnova ed erano molto conosciuti. Erano tanto uniti, soprattutto dopo la morte dei genitori, e Andrea non si è mai ripreso dopo la morte di Ivan, tanto è stato il suo dolore vissuto quando il fratello lo ha lasciato. Ora, si consolano amici e parenti, saranno di nuovo uniti. --g.ca.