Troppi incidenti, nuovi limiti e divieti per le auto

PRAMAGGIORETroppi incidenti, interviene sulle strade provinciali la Città Metropolitana. Gli incidenti si ripetono. L'ultimo, in A4, con tanta paura per un centauro. Le autorità amministrative hanno deciso di intervenire, poderosamente, sulla sicurezza. A Pramaggiore da ieri si applicano, dopo la firma di un'ordinanza, la riduzione a 70 chilometri all'ora del limite di velocità e il divieto di sorpasso in entrambi i sensi di marcia sulla Sp "Persiana" 64 nel tratto che transita nel Comune di Pramaggiore e conduce al Comune di Cinto Caomaggiore. «Il provvedimento della Città metropolitana era necessario e potrebbe non essere l'unico», commenta il sindaco pramaggiorense Pivetta, «nel caso la riduzione della velocità e il divieto di sorpasso non fossero sufficienti chiederemo alla Prefettura di Venezia di valutare l'installazione anche di un autovelox. Gli automobilisti devono capire che, soprattutto nei centri abitati e nei paesi come il nostro, la prudenza deve essere massima e le auto devono rallentare. In caso contrario si mette a rischio l'incolumità di residenti e pedoni». La Città metropolitana, con gli operai del settore viabilità, ha già provveduto a installare la nuova segnaletica con i nuovi cartelli e con la striscia continua che indica il divieto di sorpasso nel tratto della strada Persiana. Ieri altri operai hanno collocato segnali stradali con luci a intermittenza anche in corso Cavour a La Salute di San Stino, sulla Sp 42, dove le decine di gobbe presenti hanno provocato la caduta di due motociclisti in una settimana. Trasferito a Udine, infine, il centauro che sulla A4 per superare le auto incolonnate sui cantieri della terza corsia, è andato a sbattere, a Portogruaro, contro una vettura di turisti tedeschi. In elicottero ha raggiunto l'ospedale di Udine dove è ricoverato con politrauma. --Rosario Padovano