«Salvi solo grazie alle cinture» Frontale, quattro sindaci feriti

veneto orientaleDramma sfiorato per quattro sindaci del Venero orientale rimasti feriti, per fortuna non gravemente, in un incidente stradale avvenuto sulle strade di Brescello nel tardo pomeriggio di giovedì. Si tratta di Gianluca Falcomer, sindaco di Cinto Caomaggiore, Matteo Cappelletto di San Stino, Oscar Cicuto di Teglio Veneto e Fausto Pivetta di Pramaggiore. Sono stati coinvolti in un incidente frontale, di ritorno dalla conferenza nazionale Anci a Parma. Stavano per raggiungere l'autostrada per rientrare in Veneto. Dopo le cure negli ospedali di Guastalla e Reggio Emilia, i primi cittadini sono stati dimessi e sono rientrati nella notte. Guidava Falcomer. I sindaci viaggiavano a bordo di una Peugeot 206, auto di rappresentanza del comune di Cinto. «Un veicolo proveniente dal senso di marcia opposto al nostro ha perso il controllo della vettura e dopo aver speronato un camion, è finito sulla nostra carreggiata, da qui un frontale con la nostra auto», ha raccontato Gianluca Falcomer . «Cicuto e Cappelletto sono stati trasferiti all'ospedale di Guastalla e io e Pivetta a Reggio Emilia. Qualche giorno di prognosi, un grosso spavento e botte molto violente ma fortunatamente nulla di rotto. Qualche giorno di riposo e antidolorifici, oltre ad eventuali accertamenti». Il conducente della vettura che ha cagionato l'incidente, non ha riportato particolari conseguenze. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia stradale e della Polizia locale di Brescello e il 118. «Siamo vivi e veneti. Salvi grazie alle cinture». ha scherzato Falcomer. È andata bene. --Rosario Padovano