Ago e filo, nonne solidali nelle due case di riposo

CINTOIl progetto si chiama "Tachemo boton" ed è una delle iniziative educative promosse per gli ospiti delle case di riposo Sereni Orizzonti di Cinto Caomaggiore e Torre di Mosto. I progetti sono stati presentati nei giorni scorsi. "Tachemo boton" prevede la creazione di un laboratorio sartoriale, nato dalla voglia delle anziane ospiti delle due strutture di tornare a prendere in mano ago e filo. Tovagliette, presine e grembiuli che le abili mane delle "sarte" delle case di riposo confezioneranno con l'aiuto della volontaria Maria Teresa Curto. «Oltre al "tacar boton" nel senso di socializzare», è stato spiegato, «l'obiettivo è venderne il più possibile e donare parte del ricavato alle associazioni dei Comuni di Torre di Mosto e Cinto». «Ci sentiamo ancora parte della società e di questo territorio», hanno spiegato alcune ospiti della struttura, «abbiamo molto da dare anche in questo periodo di restrizioni dovuto alla pandemia. Noi siamo esperienza, vissuto. Ci esaltiamo per le iniziative come questa». --G.MO.