Quindici atleti positivi ai campionati mondiali di kickboxing a Jesolo

Giovanni Cagnassi / JESOLOPositivi ancora in aumento e il Covid ha contagiato anche 15 atleti al campionato mondiale di kickboxing appena concluso al lido di Jesolo. Dopo la diminuzione dei casi di inizio ottobre, in questi giorni il numero delle persone positive al Covid ha ripreso a crescere anche nelle scuole. A Jesolo, il personale medico e sanitario dell'Usl 4 lo scorso fine settimana è dovuto intervenire ai campionati del mondo di kickboxing «Wako World Kickboxing Championship Italy 2021» accertando 15 positivi tra gli atleti in gara e i rispettivi staff. Non solo atleti di varie nazioni, ma anche allenatori. Di questi positivi, 10 sono rientrati nei Paesi di origine in Bulgaria, Serbia, Slovenia e Ucraina, mentre cinque atleti dall'Irlanda, Kazakistan e Russia sono ancora in isolamento nel loro albergo in quanto positivi. Una ragazza di nazionalità russa, sintomatica, è tuttora seguita dal personale dell'Unità Speciale di Continuità Assistenziale (Usca), mentre gli atleti della sua nazione sono già partiti. Quanto accaduto getta un'ombra sulla manifestazione, i controlli, il fatto che gli atleti fossero giunti dai loro paesi con tampone negativo prima di partire. Eppure i contagi ci sono stati. Intanto, il Dipartimento di Prevenzione dell'Usl 4 conferma i picchi di contagi nei comuni più popolosi come San Donà, Portogruaro e Jesolo. Al 27 ottobre le positività complessive sono 249. Questa la distribuzione per comune: Annone Veneto 6; Caorle 18; Cavallino Treporti 9; Ceggia 6; Cinto Caomaggiore 2; Concordia Sagittaria 21; Eraclea 7; Fossalta di Piave 6; Fossalta di Portogruaro 4; Gruaro 1; Jesolo 34; Meolo 6; Musile di Piave 20; Noventa di Piave 7; Portogruaro 35; Pramaggiore 8; San Donà di Piave 36; San Michele al Tagliamento 14; San Stino di Livenza 8; Teglio Veneto 1. Solo Torre di Mosto è al momento la sola cittadina "covid free". Per quanto riguarda le scuole, le classi attualmente in quarantena sono 7 nei vari istituti di Caorle, Concordia Sagittaria, Musile di Piave, Portogruaro e San Donà di Piave. Complessivamente sono 143 gli alunni in quarantena. Quanto ai ricoveri, sono 6 le persone in area malattie infettive all'ospedale di Jesolo, mentre le terapie intensive dell'Usl4 non registrano alcun ricovero. Delle 6 persone ricoverate per Covid, 4 non sono vaccinate. «Dopo un inizio ottobre con pochi contagi, in questi giorni si registra una ripresa delle positività, sia in generale e sia sul fronte scolastico» ha commentato il direttore generale dell'Usl 4, Mauro Filippi, «questo per effetto dell'obbligatorietà del green pass sui luoghi di lavoro, ma non solo. La situazione attuale è ampiamente sotto controllo però i dati confermano che il virus è ancora presente tra noi e che dunque dobbiamo mantenere elevata l'attenzione e continuare ad adottare tutte le misure volte a prevenire altri contagi». «Ricordo che il metodo più efficace per contrastare il virus è sempre la vaccinazione» conclude, «come confermano gli studi scientifici e, all'atto pratico, i ricoveri ospedalieri perché tutti, o quasi, riguardano persone non vaccinate. Relativamente al focolaio sviluppato ai campionati mondiali di kickboxing, la situazione è stata ottimamente gestita dal personale del dipartimento di prevenzione e dei servizi territoriali con le Usca. Ci dispiace per tutti gli atleti che non hanno potuto partecipare alle gare ma era doveroso adottare tutte accortezze necessarie per evitare il proliferare dei contagi». --© RIPRODUZIONE RISERVATA