Lotta ai tumori con i fondi Airc 6 milioni ai ricercatori veneti

Elena Livieri / veneziaLa lotta al cancro si fa ancora più dolce: la campagna dell'Airc si arricchisce quest'anno di nuove delizie che affiancheranno le "Arance della salute" nella raccolta fondi per la ricerca contro i tumori. Una marmellata di arance, il miele ai fiori d'arancio e la focaccia all'arancia preparata dallo chef stellato Giancarlo Perbellini completano l'offerta che Airc propone fino al 14 febbraio. E quale miglior modo per lanciare la nuova campagna di raccolta fondi se non quello di distribuire quanto raccolto negli ultimi dodici mesi: nel solo Veneto Airc ha finanziato con 6,3 milioni di euro 50 ricercatori, impegnati in 49 progetti di ricerca oncologica, oltre a quattro borse di studio, grazie a oltre centomila donatori attivi. Ma sono ben 125, 2 i milioni di euro che Airc ha distribuito in tutta Italia, sostenendo così il lavoro di 5.190 scienziati impegnati nella ricerca di nuove cure oncologiche. Se è vero che la ricerca ha fatto passi da gigante in oncologia, è vero altrettanto che i numeri dei tumori in Italia fanno ancora paura. Sono infatti almeno 377 mila le nuove diagnosi di tumore ogni anno, più di mille al giorno. E il tumore è ancora la causa del 25 per cento dei decessi nel nostro Paese. Anche la campagna di raccolta fondi deve fare i conti con i limiti e le difficoltà che derivano dalla pandemia da Covid 19. I volontari non potranno essere presenti nelle piazze come ogni anno per la vendita delle arance. E così Airc ha deciso di arricchire e diversificare la sua proposta: le reticelle di arance saranno disponibili dal 4 febbraio, Giornata mondiale della Lotta contro il cancro, nei punti vendita della grande distribuzione (Aldi, A&O, Bennet, Carrefour, Carrefour Express, Carrefour Market, Coop, Despar, DiPiù, Emisfero, Emi Supermercati, Eurospar, EuroSpesa Supermercati, Famila, Galassia, IperTosano, Interspar, Italmark, Mega, Migross, Pam, Pam Panorama e Supermercati Visotto): Airc riceverà 50 centesimi per ciascuna confezione venduta. Ma quest'anno è possibile acquistare anche il vasetto di marmellata con offerta di 6 euro, il miele a 7 euro e la focaccia a 16 euro. In questo caso, però, è necessario chiamare il numero 045/8250234 oppure scrivere a com.veneto@airc.it per mettersi in contatto con il volontario Airc più vicino per la consegna dei prodotti.«In un momento in cui è assolutamente essenziale fare ciascuno la nostra parte e non fare mancare la speranza a quanti ancora combattono contro un cancro, siamo orgogliosi dei risultati fin qui ottenuti» rileva Antonio Maria Cartolari, presidente di Airc Comitato Veneto Trentino Alto Adige, «risultati che ci incoraggiano a non mollare davanti a questa nuova emergenza per la diffusione del virus Covid 19. Grazie al nostro impegno sul territorio, e all'aiuto di duemila volontari anche quest'anno così difficile riusciremo a sostenere il lavoro di 50 ricercatori in Veneto e 14 in Trentino».In questi giorni Airc è impegnata anche nelle scuole: in nove istituti veneti, infatti, è in corso il progetto didattico Airc Scuola "Cancro io ti boccio" con lezioni e attività di informazione e sensibilizzazione rivolte agli studenti a cui si affianca la distribuzione di marmellate, miele e focacce alle arance. --© RIPRODUZIONE RISERVATA