La sindaca Zanchin gestirà l'Ambiente Bottacin presidente

ERACLEASarà la sindaca di Eraclea, Nadia Zanchin, a tenere le deleghe dell'ambiente. Era un aspetto che aveva stimolato il dibattito soprattutto con altri esponenti della opposizione. La prima cittadina lo ha dichiarato in occasione della prima seduta del consiglio comunale di giovedì sera, quando è stata nominata anche la presidente del consiglio comunale nella persona della giovane consigliera Elena Bottacin. Il candidato di Vivere Eraclea, Danilo Biondi, ora seduto all'opposizione, aveva invocato nelle settimane scorse che fosse preso in considerazione questo assessorato all'ambiente come discriminante per un possibile lavoro di concerto tra maggioranza e opposizione, almeno nella parte che lui rappresenta.L'assessorato non sarà pertanto organizzato con una semplice delega affidata a un consigliere comunale, ma resta nelle mani salde del sindaco. Questo sarà foriero di future collaborazioni a vantaggio della comunità che Biondi ritiene possibile nei binari della correttezza. Le polemiche sollevate dall'opposizione sulla nomina di un presidente del Consiglio, e lo spreco di risorse che ciò comporta, sono state subito spente.«Abbiamo scelto una presidente giovane», ha detto il vice sindaco di Eraclea, Luca Zerbini, «che ha 23 anni è piena di entusiasmo e sarà garante per tutti dei lavori dell'assemblea. Non vogliamo fare polemiche con chi ci ha attaccati, perché questa non è la nostra impostazione di lavoro. Ci è stato detto che noi governeremo con il 37% dei voti, ma questa è la democrazia e va rispettato il voto dei cittadini anche perché lo scarto è consistente rispetto agli altri». «Per il resto», conclude Zerbini, «le opposizioni non possono sostenere che rappresentano la maggioranza con il 62% perché allora avrebbero potuto presentarsi unite, anche Lega e Pd per esempio, cosa che non è invece avvenuta». Ma a giudicare dai primi attacchi della opposizione subito nella prima seduta, altri scontri si annunceranno molto presto. --G.Ca.