Polo museale Causin (FI) porta il caso in Parlamento

stra. È arrivato in Parlamento il caso della gestione del Polo museale del Veneto, più volte oggetto di segnalazioni da parte del sindacato Cisl. Ieri pomeriggio, il deputato veneziano di Forza Italia Andrea Causin, uno dei tre che ha votato per la senatrice Liliana Segre, ha presentato un'interrogazione parlamentare con l'elenco delle criticità riscontrate negli ultimi anni, dalla colonna abbattuta per errore a Villa Pisani alle decine di decreti ingiuntivi per mancanza del pagamento di bollette di luce e gas, fino all'apertura di un fascicolo alla Corte dei Conti e ad altre segnalazioni sulla libertà e dignità dei lavoratori. L'interrogazione si conclude chiedendo al ministro del Mibac se è a conoscenza di questi fatti e come abbia intenzione di proseguire per la gestione del Polo museale. «Secondo noi», dice Massimo Grella della Cisl, «verificati i fatti oggetto di interrogazione l'attuale dirigente (Daniele Ferrara, ndr) non deve rimanere a gestire il patrimonio dei beni culturali». --V.M.