Bagni fuori uso, ladri e vandali nei cimiteri

MIRA Bagni pubblici fuori uso, ladri che rubano i fiori dalle tombe, atti vandalici. Non è certo una bella situazione quella che si sta verificando nei campisanti dei comuni di Dolo e Mira proprio nei giorni tradizionalmente dedicati ai defunti. A denunciare i problemi è il referente di Federconsumatori di Riviera del Brenta e Miranese, Alfeo Babato. «Sono stato in questi giorni in sopralluogo ai cimiteri di Mira Taglio, Dolo, Gambarare, Oriago, Sambruson, Malcontenta e Marano, e ho trovato una situazione a dir poco indecente», spiega Babato, «I bagni sono sporchi, nessuno passa a pulire probabilmente da settimane. I sanitari sono rotti. Ho voluto rendermi conto di persona dopo che decine di persone mi avevano segnalato disagi e scarsità di igiene». La situazione peggiore si registra nei bagni dei cimiteri di Sambruson di Dolo e di Gambarare di Mira. Ma non ci sono solo le condizioni dei servizi igienici a essere sotto accusa. Negli ultimi giorni si sono registrati furti a raffica a Gambarare, Dolo capoluogo e Oriago. Sono state colpite una quarantina di tombe da cui sono stati rubati fiori, sia di stoffa che freschi, e vasi di piante. Da una decina di tombe è stato portato via il rame dai lumini. Sia i fiori che il rame vengono con ogni probabilità rivenduti al mercato nero. A Malcontenta e Marano si sono verificati anche atti vandalici su alcune tombe nelle quali i fiori sono stati buttati a terra in segno di sfregio. I residenti chiedono l'installazione di telecamere. Il Comune di Mira, informato della vicenda, assicura per la giornata di domani particolare vigilanza per i due campisanti maggiori, a Gambarare e Oriago. I vigili saranno schierati da mattina a sera. La pulizia dei bagni, invece, sarà fatta la prossima settimana, a commemorazioni però oramai finite. Alessandro Abbadir