«A/1 meritata, siamo state grandi»

MESTRE Lo scorso novembre il Tc Mestre faceva i conti con la retrocessione in A/2 al termine di un campionato sfortunatissimo. Adesso, a sette mesi di distanza, il circolo di via Olimpia festeggia il ritorno nella massima serie del tennis femminile a squadre con pieno merito. Lo ha fatto dopo dieci ore di gioco e cinque partite condite dal doppio di spareggio, sul campo delle piemontesi del Beinasco. Una sfida chiusa sul 2-3 che rappresenta la prima sconfitta stagionale per la squadra capitanata da Pasquale Marotta che, nel corso del torneo, dopo i primi due pareggi ha inanellato sei vittorie consecutive (quattro in regular season e due nei playoff), fermandosi solo nel ritorno della finale, ma conquistando quel secondo punto decisivo che ha decretato il ritorno in serie A/1. Il tutto grazie al successo per 3-1 dell'andata che ha permesso di arrivare al doppio di spareggio vinto poi da Zucchini e Zec-Peskiric in rimonta. Una promozione festeggiata assieme alle stesse avversarie del Beinasco che, per la finale, si erano fatte preparare una torta speciale, e che conoscendo le tante superstizioni dei tennisti, qualcuno ha già detto che ha portato sfortuna. «È stato un campionato difficile, abbiamo avuto giornate no e giornate in cui abbiamo giocato alla grande ma, soprattutto, ci abbiamo creduto sempre» questo il pensiero di Agnese Zucchini, alla prima stagione in forza al Tc Mestre, «e in questa ultima sfida ne abbiamo data conferma. Dopo dieci ore in campo abbiamo conquistato la serie A/1. Grandi ragazze, grande capitano, e sono orgogliosa di fare parte di questa squadra». Entusiasmo anche da parte di Deborah Chiesa, una delle più giovani del team, in campo nelle prime sfide e poi impegnata per gli esami di maturità. Su Facebook, domenica ha lasciato il suo pensiero per le compagne: «Che grande squadra! Mi è dispiaciuto molto non essere stata presente in questi playoff, ma vi ho sempre supportate con il pensiero, fiera di far parte del Tc Mestre». Tra le protagoniste assolute di questa stagione, l'altoatesina Julia Mayr, già in campo per il circolo di via Olimpia cinque anni fa, quando arrivò la prima storica promozione in A/1. Julia Mayr in questo campionato non ha mai perso in singolare. «Sono contentissima. È stata un'esperienza indimenticabile, proprio bella. Sono molto felice del mio tennis, di come ho saputo giocare e di aver potuto contribuire alla promozione. E questa è la cosa più importante. Ripenso infatti a cinque anni fa, quando alla prima stagione con il Tc Mestre centrammo la promozione in A/1, e allora in squadra c'era anche mia sorella Evelyn». Raggiante il presidente del circolo, Roberto Pea: «Sinceramente dopo i primi due pareggi nel girone non ci speravamo, ma brave ragazze! Complimenti a Gianna Doz e Pasquale Marotta, e grazie a chi ci ha sostenuti». Oltre al Tc Mestre in A/1 il prossimo anno ci sarà anche il Ct Ceriano. Dopo aver perso a Cagliari 3-1 l'andata, al ritorno le lombarde si sono imposte 4-0. Retrocedono invece in serie B Canottieri Casale Monferrato e Cesano Maderno. Simone Bianchi