Senza Titolo

di Giorgio Barbieri wPADOVA Ammontano a quasi un milione e mezzo di euro gli affari sul gas indonesiano, che i pm della Procura di Venezia ipotizzano siano riferibili a Giancarlo Galan. Il business inizia nel dicembre del 2010 e il denaro finisce la sua corsa in una banca croata alla fine del 2013. La figura centrale è il commercialista padovano Paolo Venuti e al centro del passaggio dei soldi c'è la "Sirefid Spa" che, secondo i pm , «è la società fiduciaria risultata dagli accertamenti a carico della famiglia Galan». Venuti è anche consulente dell'imprenditore padovano Roberto Bonetto, socio e presidente di Thema Spa, da anni operante nella distribuzione del gas in Indonesia. L'imprenditore, trascinato suo malgrado nella complicata vicenda internazionale, afferma che né lui né gli altri amministratori o soci di Thema sono mai stati coinvolti nelle indagini o contattati dai magistrati. «Non ho mai conosciuto né incontrato Giancarlo Galan», spiega oggi Bonetto «gli affari indonesiani di Thema sono sempre stati compiuti con assoluta trasparenza e sviluppati unicamente con i soci stranieri, con cui vengono intrattenuti rapporti commerciali radicati dai primi anni 2000». È dunque il commercialista Venuti, secondo i pm, il punto di contatto tra gli affari di Bonetto in Indonesia e Galan. Tutto inizia nel dicembre 2010 quando la Sirefid Spa (che secondo la Procura sarebbe riconducibile a Galan) aveva sottoscritto 1.100 obbligazioni nominali (e non azioni) del valore di 1.000 euro l'una (1.100.000 euro il valore complessivo dell'investimento), emesse dalla Thema Italia Spa per finanziarie nuovi sviluppi della propria attività. Dunque Venuti, se da una parte aiuta Bonetto a trovare i finanziatori, dall'altra, ipotizzano i pm, sembra offrire un buon affare all'ex governatore. Il rendimento annuo di questi prestiti obbligazionari, con scadenza giugno 2014, era del 12 per cento. Le indagini della magistratura subiscono un'impennata il 19 luglio scorso mentre il commercialista padovano sta per imbarcarsi all'aeroporto di Tessera per Giacarta. Le Fiamme Gialle ritrovano nella valigetta del professionista gli atti relativi alla cessione della quote di una società indonesiana appartenenti a Thema Spa. La società guidata da Bonetto aveva da poco firmato, proprio con la consulenza di Venuti, il preliminare da 7,5 milioni di dollari per la cessione trasparente delle sue quote; ed il successivo 2 agosto veniva perfezionata l'operazione, consentendo a Thema di ottenere il saldo di 37,5 milioni di dollari. Il denaro raccolto (45 milioni di dollari in tutto) ha permesso a Thema di estinguere i prestiti obbligazionari in anticipo (il primo ottobre 2013), con la restituzione dei capitali e degli interessi . Così la Sirefid, la società riconducibile a Galan, oltre a essere rientrata dell'investimento di 1.100.000 euro, ha incassato anche 360.000 euro circa di interessi, il 30% dell'investimento iniziale. Soldi poi trasferiti velocemente in Croazia, su un conto corrente intestato alla Unione Fiduciaria Spa. Gli investigatori ora stanno accertando chi si nasconda dietro questo nome. ©RIPRODUZIONE RISERVATA