Il Milan rialza la testa Festa rossonera per il ritorno di Kakà

MILANO Il Milan orfano di Mario Balotelli riesce a rilanciarsi in campionato grazie ad una grande gara del giocatore meno atteso: Walter Birsa. Il calciatore sloveno fa dimenticare Kakà con una serie di giocate di qualità e diventa addirittura decisivo grazie ad una rete da manuale al 21' del primo tempo. È proprio lui infatti a rubare palla a metà campo e far partire il contropiede del Milan, palla a Robinho che la restituisce all'ex genoano, il quale fa partire uno splendido tiro da fuori area che si stampa alle spalle di Kelava. Il primo tempo è tutto qui, con l'Udinese che cerca di reagire, ma che si va a schiantare contro una difesa milanista impeccabile e i rossoneri che cercano di ripartire per far male, ma non si rendono pericolosi. Nella ripresa l'Udinese, grazie anche all'ingresso in campo di Muriel, prova a raggiungere il pareggio. L'occasione più ghiotta capita sui piedi di Di Natale al 17' del secondo tempo su calcio di punizione: il tiro è preciso e angolato e ci vuole un grande colpo di reni del giovane Gabriel - preferito ad Amelia come vice Abbiati - per deviare il pallone sulla traversa. Il Milan però tiene bene il campo e al 27' del secondo tempo sfiora anche il raddoppio con Poli, bravo a smarcarsi in area e a spiccare un siluro, che però è troppo centrale e Kelava blocca. L'Udinese prova a fare male con Di Natale che serve Muriel in mezzo all'area, ma Abate è bravissimo a chiudere la diagonale. Ci prova nel finale anche Niang, ma le sue conclusioni sono imprecise. Un'ovazione ha accolto il ritorno in campo a San Siro di Ricardo Kakà con la maglia del Milan, a oltre quattro anni dall'ultima volta, il 24 maggio 2009, prima del trasferimento al Real Madrid. Il brasiliano, al rientro dopo un infortunio muscolare, ha preso il posto di Alessandro Matri al 32' del secondo tempo e ha risposto all'entusiasmo del pubblico applaudendo verso gli spalti, da dove subito è partito il solito coro: «Siamo venuti fin qua per vedere segnare Kakà».Il Milan quindi con il minimo sforzo riesce quindi a rilanciarsi in campionato e a guardare con fiducia alla sfida di Champions contro il Barcellona, mentre per l'Udinese è l'ennesima sconfitta esterna in un campionato che la vede sorridere solo al Friuli. Stasera il posticipo è Torino-Inter.