«Più controlli a Mira sulla Brentana»

MIRA «Sarebbe opportuno che il comune di Mira facesse più controlli con i vigili urbani anche con l'autovelox nel tratto di Brentana in cui recentemente si è ferito in modo gravissimo un uomo. Un punto in cui appena un anno fa perse la vita un diciasettenne di Malcontenta, Sebastiano Benin». A dirlo è consigliere di opposizione Mario Morara dopo che venerdì scorso quattro auto si sono scontrate finendo di traverso sulla carreggiata e una di queste , una Panda condotta da Z. A. di Dolo in un fossato. L'uomo portato via con un elicottero ora si trova in prognosi riservata all'ospedale di Mestre. Per lui però i problemi rischiano di non finire lì . Avrebbe riportato una gravissima lesione alla colonna vertebrale. « In quel tratto - spiega Morara - ci sono cantieri in corso per poter fare una pista ciclopedonale e realizzare dei nuovi marciapiedi. Questi cantieri producono una restrizione della carreggiata. A mio avviso i limiti orari in quel tratto dovrebbero essere abbassati ai 30 all'ora e i vigili dovrebbero controllare che vengano rispettati» . Sulle cause dell'incidente i vigili urbani sembrano avere un quadro chiaro. La Panda avrebbe tamponato Una Renault Kangoo e coinvolto nel sinistro una Clio e un ciclomotore Piaggio. Anche i tanti residenti della zona compresa fra Mira Taglio e Mira Porte lungo la Brentana lamentano scarsi controlli. «Se di giorno le auto sfrecciano a velocità elevata, di notte è peggio. Corrono anche a 100 all'ora nonostante si sia in pieno centro abitato ». ( a.ab.)