La raccolta differenziata al 55%

MIRA La raccolta differenziata a Mira va a gonfie vele e vola oltre quota 55 per cento del totale. A dare questi dati è l'assessore all'ambiente del comune Maurizio Barberini. Lo stesso Barberini spiega però, che anche molte persone (quasi una trentina) dall'inizio dell'anno sono state beccate dagli ispettori di Veritas a conferire rifiuti ai lati dei cassonetti in maniera irregolare. «Ora sono coperti parzialmente – spiega Barberini – con il servizio dei cassonetti a calotta, i centri di Mira Taglio , Mira Porte e Oriago. Contiamo di coprire le parti rimanenti delle grosse frazioni, cioè Mira e Oriago entro la fine del 2012 . Poi entro la prima metà del 2013 pensiamo che possano essere coperte dal sistema dei cassonetti a calotta anche le aree periferiche del comune e cioè quelle di Marano, Dogaletto, Gambarare e Malcontenta». Il Comune ha obbiettivi precisi: «Entro la fine del 2012 - assicura l'assessore - riusciremo a centrare l'obbiettivo ministeriale che è quello di differenziare il 65% del rifiuto totale. Ma ad aiutare i cittadini in queste settimane è arrivato anche un nuovo servizio, l'ecomobile. Con il sistema dell'ecomobile abbiamo visto che vengono conferiti decine di tonnellate di rifiuti ingombranti. La gente è contenta di poter usufruire di questo servizio che di fatto è davvero importante anche per evitare sversamenti di rifiuti illeciti». Spesso infatti la gente scarica televisori o altri elettrodomestici o ingombranti (mobilio ecc) a lato dei cassonetti perché stanca di tenerli in casa o di aspettare l'arrivo del servizio a domicilio che spesso ci mette anche 2 settimane. Per controllare che non ci siano sversamenti abusivi sono state collocate anche due telecamere in due punti a rischio del territorio comunale. Alessandro Abbadir ©RIPRODUZIONE RISERVATA