Oggi l'interrogatorio del nigeriano accusato di lesioni

Migliorano le condizioni di salute di F.N.. il 27enne nigeriano ferito con tre coltellate dal connazionale di 23 anni Abuli Musa, arrestato per lesioni volontarie aggravate dal porto del coltello dai vigili urbani. Oggi sarà interrogato dal giudice veneziano Roberta Marchiori alla presenza del suo difensore e potrà fornire la sua versione dei fatti. Anche se gli investigatori della Polizia locale, che sono intervenuti immediatamente dopo l'aggressione in campo Santa Magherita, hanno già raccolto alcune dichiarazioni di testimoni che hanno assistito al fatto. Inoltre, ci sono le riprese di una telecamera del sistema di controllo urbano. Non sarà facile, dunque, per Musa cavarsela. Agli atti ci sono anche le prime dichiarazioni di F.N., il quale ha riferito che già un mese prima era stato aggredito dal connazionale e sempre per lo stesso motivo, voleva essere l'unico a chiedere l'elemosina nella zona di Santa Margherita. Ha raccontato che anche venerdì pomeriggio ha attaccato briga, che voleva che lui si allontanasse, quaindi ha estratto il coltello ed ha colpito una, due, tre volte. Ci sono voluti 50 punti per chiudere le ferite e tra pochi giorni F.N. potrà tornare a casa sua, a Dolo. ©RIPRODUZIONE RISERVATA