Piacciono ai turisti, a me proprio no Toglietemi di torno gli stolti piccioni


«Stolti volatili scacazzanti». Cosi Italo Calvino definiva i piccioni in un bellissimo racconto della raccolta Palomar. Difficile non essere d'accordo con il grande scrittore ligure. Sono molti i veneziani pronti a scolpire questa frase su uno qualunque dei masegni di Piazza San Marco. Altro che Mose...
Attraversare il salotto del mondo è ormai diventata un'impresa ardua. A ogni passo si fa sempre più viva la sensazione di trovarsi da un momento all'altro dentro alla scena di un film di Hitchcock. Ricordate «Uccelli»? Ecco, una cosa del genere. E se non proprio cosi, quando i volatili si alzano in stormo disorganizzato, hai sempre il terrore ce ne sia uno malato di labirintite che ti si stampi in fronte. Perché di malattie i piccioni ne hanno eccome. Non serve essere un veterinario per capirlo. Basta guardarli. Per questo i veneziani fanno di tutto per tenerli a debita distanza. Animalisti a parte, ovviamente, che hanno tutto il diritto e il dovere morale (dal loro punto di vista) di proteggerli fino in fondo.
Io no.
Sto con Calvino, insieme a molti altri. Insieme a tutti quelli che vorrebbero davvero fosse inventato il preservativo per i piccioni. O il mangime del giorno dopo. E che fosse vietato quell'altro, invece, di mangime. Quello che vendono in Piazza San Marco. Perché non ci fanno i pop corn con quei cosi? Macché. I turisti sono tutti in coda per la loro dose di mangime da piccioni. E se a noi fa schifo solo l'idea, loro no: si piazzano a mo' di spaventapasseri al contrario, cioè di affascinapiccioni, in mezzo alla Piazza e si fanno riempire di stolti volatili le braccia, la testa, tutto. La foto di quell'impresa trionferà poi nella desktop del computer di casa o dell'ufficio del malcapitato. E che dire di quelli che hanno addirittura il coraggio di piazzare il chicco fra le proprie labbra e... ripugnante.
Domanda: siamo noi a essere esageratamente intransigenti o loro, i turisti, a essere altrettanto stolti? Mah.
Sull'aspetto scacazzante, poi, c'è poco da dire. Al di là dei monumenti bombardati quotidianamente, non si contano i terrazzi e i davanzali ricorsi alle costosissime cure della disinfestazione. Insomma, si facesse un referendum se non proprio sull'aborto, almeno sul controllo delle nascite dei piccioni, le percentuali a favore, fra i veneziani, sarebbero bulgare. Perché Calvino aveva proprio ragione. Eh, se aveva ragione. «Stolti volatili scacazzanti»...
www.robertoferrucci.com

Roberto Ferrucci