Genova: Zerocalcare, Subsonica, Paolo Cognetti, Maurizio Maggiani nella raccolta fondi a sostegno dei manifestanti antifascisti a processo

video Il 23 maggio 2019 la consegna di una piazza di Genova ai neofascisti di Casa Pound da parte del Comune di Genova è stato uno degli episodi che hanno maggiormente ferito l’anima antifascista di Genova, città medaglia d’oro della Resistenza. Gli scontri di piazza che ne seguirono e durante i quali il giornalista di Repubbllica Stefano Origone venne selvaggiamente picchiato dalla polizia mentre stava facendo il suo lavoro hanno portato alla denuncia di un gruppo di circa 50 manifestanti oggi a processo. Proprio per sostenere le spese legali è scattata una raccolta fondi che ha visto impegnati in prima persona scrittori, musicisti, intellettuali italiani fra i quali: Ascanio Celestini e il collettivo Wu Ming, Zerocalcare e i Subsonica, i Modena City Ramblers e la Bandabardò, gli Assalti Frontali e Maurizio Maggiani, Caparezza Paolo Cognetti.Il collettivo Genoa Antifascista scrive sulla sua pagina Facebook che quel giorno “Genova è scesa in strada per fermare quello che rappresentava uno sfregio intollerabile per la nostra città: il comizio di chiusura della campagna elettorale di Casa Pound, ex partito di matrice dichiaratamente fascista.La risposta repressiva dello Stato non è tardata ad arrivare: oltre cinquanta denunce ai danni di altrettanti antifascisti, costituendo un vero e proprio processo contro l'antifascismo militante. Come sempre il filo rosso che collega le nostre sacche di resistenza è la solidarietà”. “Da allora – spiega Genoa Antifascista - sono state diverse le iniziative atte a rimpinguare la Cassa Antifascista per le spese legali dei /delle militanti. Siamo orgogliosi di potervi presentare quest'ultima nostra iniziativa che dimostra come una parte del mondo della cultura è dalla nostra parte della barricata: grazie alla complicità di diversi artisti è stata possibile la realizzazione di un doppio CD i cui proventi andranno a sostenere i denunciati di Piazza Corvetto. L’antifascismo non si processa”. Di Marco Preve 

Senza Titolo

TarvisioIncontri ed escursioniper il Film festivalIn Valcanale, per il Kugy Mountain Film Festival, alle 9, "Sulle tracce di Julius Kugy", oggi escursione guidata con reading (ritrovo a Camporosso, bar Lory); alle 15. 30, nella Sala del Consorzio viciniale di Camporosso, video sulle comunitĂ  german

Senza Titolo

TarvisioIncontri ed escursioniper il Film festivalIn Valcanale, per il Kugy Mountain Film Festival, alle 9, "Sulle tracce di Julius Kugy", oggi escursione guidata con reading (ritrovo a Camporosso, bar Lory); alle 15. 30, nella Sala del Consorzio viciniale di Camporosso, video sulle comunitĂ  german

Senza Titolo

TarvisioIncontri ed escursioniper il Film festivalIn Valcanale, per il Kugy Mountain Film Festival, alle 9, "Sulle tracce di Julius Kugy", oggi escursione guidata con reading (ritrovo a Camporosso, bar Lory); alle 15. 30, nella Sala del Consorzio viciniale di Camporosso, video sulle comunitĂ  german

Senza Titolo

Trent'anni fa, nel luglio 1990, iniziava a Tolmezzo l'esperienza amministrativa guidata da Renzo Tondo, il primo (e ultimo) sindaco socialista dopo l'amministrazione Pesce (che si era insediata nell'immediato secondo dopoguerra). Per la prima volta, dopo quasi quarant'anni di guida ininterrotta, la

Senza Titolo

Trent'anni fa, nel luglio 1990, iniziava a Tolmezzo l'esperienza amministrativa guidata da Renzo Tondo, il primo (e ultimo) sindaco socialista dopo l'amministrazione Pesce (che si era insediata nell'immediato secondo dopoguerra). Per la prima volta, dopo quasi quarant'anni di guida ininterrotta, la

Senza Titolo

Trent'anni fa, nel luglio 1990, iniziava a Tolmezzo l'esperienza amministrativa guidata da Renzo Tondo, il primo (e ultimo) sindaco socialista dopo l'amministrazione Pesce (che si era insediata nell'immediato secondo dopoguerra). Per la prima volta, dopo quasi quarant'anni di guida ininterrotta, la

Bologna 19/1, la lunga giornata delle Sardine: il videoracconto dalla piazza gremita

video Bologna ha avuto il suo "1° maggio in anticipo", 6 ore di musica, cultura e interventi dal palco: è la lunga notte delle Sardine. A salire sul palco in piazza VIII Agosto tanti artisti: Rumba de Bodas, Skiantos, Bandabardò, Modena City Ramblers, Marlene Kuntz, Vasco Brondi, Afterhours, Subsonica e Willie Peyote e la gran chiusura con il rapper Marracash. Tanti gli interventi dal palco, da Matilda De Angelis a Patrizio Roversi, Alessandro Borgonzoni, Sandro Ruotolo e Concita De Gregorio. A fine serata a salutare le 40.000 sardine ci sono i quattro fondatori Mattia Santori, Roberto Morotti, Giulia Trappoloni e Andrea Garaffa. di Valerio Lo Muzio

Senza Titolo

Il reportagedall'inviata a BolognaFrancesca Schianchi«Sembrava dovesse piovere, invece anche il tempo ci aiuta». Dal palco stanno facendo le prove, altrove in Emilia diluvia, e invece lì, eccolo, uno sprazzo di sole nella grande piazza VIII Agosto: ha ragione la sardina fondatrice Giulia Trappoloni,

Senza Titolo

Il reportagedall'inviata a BolognaFrancesca Schianchi«Sembrava dovesse piovere, invece anche il tempo ci aiuta». Dal palco stanno facendo le prove, altrove in Emilia diluvia, e invece lì, eccolo, uno sprazzo di sole nella grande piazza VIII Agosto: ha ragione la sardina fondatrice Giulia Trappoloni,

Senza Titolo

Il reportagedall'inviata a BolognaFrancesca Schianchi«Sembrava dovesse piovere, invece anche il tempo ci aiuta». Dal palco stanno facendo le prove, altrove in Emilia diluvia, e invece lì, eccolo, uno sprazzo di sole nella grande piazza VIII Agosto: ha ragione la sardina fondatrice Giulia Trappoloni,