Fisco, colpo di spugna sulle cartelle

il casoLuca Monticelli / romaLo stralcio delle cartelle esattoriali sotto i mille euro, notificate tra il 2000 e il 2015, scatterà il 31 marzo e riguarderà circa 7 milioni di contribuenti, per un valore di 18 miliardi di euro. Le cartelle interessate sono complessivamente 27 milioni, perciò molti di

Fisco, colpo di spugna sulle cartelle

il casoLuca Monticelli / romaLo stralcio delle cartelle esattoriali sotto i mille euro, notificate tra il 2000 e il 2015, scatterà il 31 marzo e riguarderà circa 7 milioni di contribuenti, per un valore di 18 miliardi di euro. Le cartelle interessate sono complessivamente 27 milioni, perciò molti di

Fisco, colpo di spugna sulle cartelle

il casoLuca Monticelli / romaLo stralcio delle cartelle esattoriali sotto i mille euro, notificate tra il 2000 e il 2015, scatterà il 31 marzo e riguarderà circa 7 milioni di contribuenti, per un valore di 18 miliardi di euro. Le cartelle interessate sono complessivamente 27 milioni, perciò molti di

Senza Titolo

Luca Monticelli / RomaEsplode la rabbia dei benzinai che decidono di incrociare le braccia e se la prendono con il governo. Non ci stanno a passare per i colpevoli della risalita dei prezzi e vanno all'attacco: «Per porre fine a questa ondata di fango contro una categoria di onesti lavoratori e cerc

Senza Titolo

Luca Monticelli / RomaEsplode la rabbia dei benzinai che decidono di incrociare le braccia e se la prendono con il governo. Non ci stanno a passare per i colpevoli della risalita dei prezzi e vanno all'attacco: «Per porre fine a questa ondata di fango contro una categoria di onesti lavoratori e cerc

Senza Titolo

Luca Monticelli / RomaEsplode la rabbia dei benzinai che decidono di incrociare le braccia e se la prendono con il governo. Non ci stanno a passare per i colpevoli della risalita dei prezzi e vanno all'attacco: «Per porre fine a questa ondata di fango contro una categoria di onesti lavoratori e cerc

Senza Titolo

il retroscenaFederico CapursoFrancesco Olivo / ROMANella sua giornata peggiore a Palazzo Chigi, Giorgia Meloni si ritrova sola. Ha un consenso forte, ma in tempi mutevoli e nevrotici, basta un niente per far cambiare il vento. L'ondata di malcontento scatenata dagli aumenti, veri, percepiti o gonfia

Senza Titolo

Mattia Pertoldi / udineLa giunta regionale conferma il cambio di impostazione per ottenere il ritorno delle Province elettive. Niente più norma da attuarsi in sede di Commissione Paritetica, ma un normale iter in Parlamento per modificare lo Statuto regionale esattamente come avvenuto, all'epoca del

Senza Titolo

Mattia Pertoldi / udineLa giunta regionale conferma il cambio di impostazione per ottenere il ritorno delle Province elettive. Niente più norma da attuarsi in sede di Commissione Paritetica, ma un normale iter in Parlamento per modificare lo Statuto regionale esattamente come avvenuto, all'epoca del

Senza Titolo

Mattia Pertoldi / udineLa giunta regionale conferma il cambio di impostazione per ottenere il ritorno delle Province elettive. Niente più norma da attuarsi in sede di Commissione Paritetica, ma un normale iter in Parlamento per modificare lo Statuto regionale esattamente come avvenuto, all'epoca del

Senza Titolo

il retroscenaFederico CapursoFrancesco Olivo / ROMANella sua giornata peggiore a Palazzo Chigi, Giorgia Meloni si ritrova sola. Ha un consenso forte, ma in tempi mutevoli e nevrotici, basta un niente per far cambiare il vento. L'ondata di malcontento scatenata dagli aumenti, veri, percepiti o gonfia

Senza Titolo

il retroscenaFederico CapursoFrancesco Olivo / ROMANella sua giornata peggiore a Palazzo Chigi, Giorgia Meloni si ritrova sola. Ha un consenso forte, ma in tempi mutevoli e nevrotici, basta un niente per far cambiare il vento. L'ondata di malcontento scatenata dagli aumenti, veri, percepiti o gonfia

Senza Titolo

Alessandro Barbera /ROMAPer dirla con le parole del ministro della Difesa (Guido Crosetto), il machete è rimasto nella fondina. La lotteria delle prime tre nomine importanti del governo Meloni è terminata con due conferme su tre. E che conferme. Ernesto Maria Ruffici, ai vertici della macchina fisca

Senza Titolo

Alessandro Barbera /ROMAPer dirla con le parole del ministro della Difesa (Guido Crosetto), il machete è rimasto nella fondina. La lotteria delle prime tre nomine importanti del governo Meloni è terminata con due conferme su tre. E che conferme. Ernesto Maria Ruffici, ai vertici della macchina fisca

Senza Titolo

Alessandro Barbera /ROMAPer dirla con le parole del ministro della Difesa (Guido Crosetto), il machete è rimasto nella fondina. La lotteria delle prime tre nomine importanti del governo Meloni è terminata con due conferme su tre. E che conferme. Ernesto Maria Ruffici, ai vertici della macchina fisca

Senza Titolo

il retroscenaFederico Capurso / RomaIl riordino del comparto di intelligence rappresenta l'ultimo passo di quella «transizione dolce» voluta da Giorgia Meloni nel passaggio di consegne con Mario Draghi. I suoi uomini più fidati assicurano «aggiustamenti mirati», e questo potrebbe soprattutto far cad

Senza Titolo

il retroscenaFederico Capurso / RomaIl riordino del comparto di intelligence rappresenta l'ultimo passo di quella «transizione dolce» voluta da Giorgia Meloni nel passaggio di consegne con Mario Draghi. I suoi uomini più fidati assicurano «aggiustamenti mirati», e questo potrebbe soprattutto far cad

Senza Titolo

il retroscenaFederico Capurso / RomaIl riordino del comparto di intelligence rappresenta l'ultimo passo di quella «transizione dolce» voluta da Giorgia Meloni nel passaggio di consegne con Mario Draghi. I suoi uomini più fidati assicurano «aggiustamenti mirati», e questo potrebbe soprattutto far cad

Senza Titolo

il retroscenaLuca Monticelli / ROMAUn salario più robusto permetterebbe agli italiani di affrontare meglio questa stagione di continui rincari. Cgil, Cisl e Uil tornano a chiedere un intervento sulle buste paga con un mix di misure: taglio del cuneo, spinta sui rinnovi contrattuali e salario minimo.

Senza Titolo

il retroscenaLuca Monticelli / ROMAUn salario più robusto permetterebbe agli italiani di affrontare meglio questa stagione di continui rincari. Cgil, Cisl e Uil tornano a chiedere un intervento sulle buste paga con un mix di misure: taglio del cuneo, spinta sui rinnovi contrattuali e salario minimo.