Piano dei lavori rivisto in base all'aumento di materiali ed energia

CasarsaAumentano i prezzi di materie prime ed energia, e di conseguenza i costi delle opere pubbliche. A Casarsa, la giunta ha rivisto il programma dei lavori ritoccando i prezzi, ovviamente all'insù, di alcuni interventi per adeguarli al nuovo prezziario regionale e soprattutto al mercato. Il primo progetto preso in esame, ereditato dalla precedente amministrazione e già finanziato, è il restauro della corte rustica e delle serre di palazzo Burovich, da destinare a servizi di accoglienza, promozione culturale, turistica e spazi multifunzionali. Finanziato con fondi europei Pais di rustic amour, sono arrivati 223 mila euro, che di fronte alla situazione attuale risultano però insufficienti: l'aumento porta infatti la spesa a 276.600 euro. Altro progetto nel piano delle opere pubbliche è il completamento della ciclabile lungo via Valvasone fino al cimitero: da 120 mila euro si è passati a 160 mila.C'è poi un progetto accantonato, sempre eredità dell'esecutivo Clarotto: è la trasformazione di alcuni spazi di palazzo Burovich in sede della polizia locale. Nel piano erano previsti 220 mila euro di spesa, ma la giunta Colussi ha deciso di non procedere. Sono stati invece inseriti nuovi lavori: sistemazione e asfaltatura di via del Fante, spesa prevista di 175 mila euro, mentre 300 mila euro serviranno a sistemare i marciapiedi in tutto il territorio comunale. Al via anche un piano di asfaltature per 120 mila euro. La giunta ha infine messo nero su bianco la volontà di acquistare la parte relativa all'ex latteria del Forno cooperativo sangiovannese per 150 mila euro. --D.S.© RIPRODUZIONE RISERVATA