«La Casarsa-Pinzano tutelata dal ministero? La Regione risponda»

CasarsaSul progetto di realizzazione di una pista ciclabile sull'ex ferrovia Casarsa-Pinzano, secondo il consigliere regionale dei Cittadin Tiziano Centis, «servono chiarimenti sui tempi di realizzazione». E per averli ha presentato una interrogazione in consiglio regionale. Una domanda posta all'indomani della notizia che il ministero della Cultura ha posto sotto vincolo di tutela della Soprintendenza la linea ferroviaria che nei progetti di cui ormai si parla a tempo dovrebbe diventare una pista ciclabile. «Apprezziamo la volontà dell'amministrazione regionale di incoraggiare l'utilizzo della bicicletta quale mezzo di trasporto, al fine di contenere l'impatto ambientale e promuovendo stili di vita e di mobilità attiva - dice il consigliere regionale dei Cittadini -, ma a questo punto ci chiediamo cosa di concreto si stia facendo, in merito. In particolare rispetto alla ciclabile Casarsa-Pinzano. A che punto è l'iter di realizzazione del percorso? Una domanda che riteniamo più che lecita, soprattutto ora che il ministero della Cultura ha comunicato che la linea ferroviaria Casarsa-Spilimbergo-Pinzano è stata posta sotto vincolo e tutela della Soprintendenza». Tiziano Centis ricorda anche che «risale alla fine del 2020 l'annuncio dell'acquisto da parte della Regione Fvg, per un investimento complessivo di 800 mila euro, delle aree ferroviarie e delle relative aree pertinenziali che compongono il tracciato, circa 29 chilometri di estensione attraverso i comuni di Casarsa, Pinzano al Tagliamento, San Giorgio della Richinvelda, San Martino al Tagliamento, Spilimbergo e Valvasone Arzene». «La procedura per la realizzazione di un'opera di viabilità ciclistica è stata attivata - conclude il capogruppo dei Cittadini in consiglio regionale -, ma ci piacerebbe approfondire e conoscere qual è lo stato dell'arte, visto il suoi rilevante l'interesse pubblico».--D.S.© RIPRODUZIONE RISERVATA