Va a funghi, trovato morto dopo 24 ore

Valentina Voimontereale valcellinaQuando, il giorno prima, l'ha incrociato sul sentiero non poteva immaginare che sarebbe stato una delle ultime persone a vederlo in vita. E proprio lui l'ha trovato, esanime, lungo lo stesso itinerario che entrambi avevano scelto: uno per la corsa quotidiana, l'altro per cercare funghi. Ma quest'ultimo su quel sentiero è stato colto da un malore che si è rivelato fatale. Valerio De Biasio, 67 anni, era scomparso lunedì da Montereale Valcellina: uscito di casa dopo essere stato nell'orto, era atteso intorno a mezzogiorno dalla moglie che, non vedendolo arrivare, si è preoccupata. Per cercarlo si è messa in moto una macchina dei soccorsi imponente: una trentina i soccorritori attivati tra soccorso alpino (stazione di Maniago), vigili del fuoco, carabinieri, guardia di finanza e protezione civile. Si è alzato in volo anche l'elicottero della guardia di finanza giunto da Bolzano con un sistema di rilevamento degli apparecchi elettronici. Tutto nella speranza di ritrovare in vita il pensionato. Il cellulare, che tante volte i familiari hanno sentito squillare a vuoto, era ancora acceso e funzionante ma il segnale, tra i molti presenti nella zona, era troppo debole per essere chiaramente distinto tra gli altri dal sistema. Il ritrovamento è avvenuto grazie a un runner lungo un sentiero secondario a margine del sentiero Cai 996 alle pendici del Monte Spia. Erano le 9.47 di ieri quando è scattato l'allarme. Il runner aveva incontrato De Biasio ancora in vita il giorno prima, intorno alle 11, durante il suo giro di corsa su quello stesso sentiero. Il corpo del pensionato è stato trovato ad appena una ventina di minuti da casa. Munito di binocolo, De Biasio era uscito per andare a funghi: viveva nei pressi dell'area boschiva e conosceva bene i sentieri dalla zona. Molto probabilmente è stato colto da un malore: a constatare il decesso ha provveduto il medico del soccorso alpino. La salma è stata adagiata in barella dai soccorritori, trasportata sulla sede stradale in mezzora di cammino e consegnata alle pompe funebri. La procura di Pordenone ha già messo la salma a disposizione dei familiari. Una tragedia che colpisce la comunità di Montereale Valcellina che da lunedì ha seguito con apprensione le ricerche dell'uomo. Momenti che hanno visto i soccorritori impegnati con dedizione nelle ricerche fino alla tragica scoperta di ieri mattina. --© RIPRODUZIONE RISERVATA